Martedì all’Università di Bari si è tenuto il Progress Test, una prova somministrata a livello ministeriale a tutti gli studenti e le studentesse di Medicina e Chirurgia. Tra le domande, una in particolare ha suscitato dibattito: è stato chiesta, infatti, la percentuale di incidenza dell’omosessualità nella popolazione maschile.
Il 17 Maggio di soli 27 anni fa l’omosessualità è stata eliminata dall’International Statistical Classification of Diseases, Injuries and Causes of Death.
Questo è stato il punto di svolta di una lotta durata decenni per far riconoscere alla comunità scientifica che avere un orientamento sessuale che non sia eterosessuale non costituisce una patologia e non può nè deve essere una ragione di discriminazione, criminalizzazione o stigma. Una conseguenza importanissima è stata la messa al bando delle cosiddette ‘terapie riparatrici’, una serie di abusi fisici e psicologici degni di un film horror che avevano l’obiettivo di eliminare l’omosessualità (e che in molto casi comportavano danni permanenti per i pazienti).
“Dopo solo 27 anni la comunità accademica italiana, inserendo una domanda del genere nel Progress Test, sembra aver dimenticato quanto sia stato importante questo passo e cosa abbia comportato – commenta Piercarlo Melchiorre , coordinatore cittadino di Link Bari, non è possibile che nelle nostre aule si portino avanti approcci discriminatori ed oscurantisti:  i luoghi della formazione devono essere spazi in cui combattere pregiudizi e discriminazioni.” 
Gli studenti di medicina, che da subito si sono indignati davanti all’episodio, hanno manifestato con una fotopetizione dalla didascalia “Miur, non siamo né malati né numeri! Liber* di essere e di amare”
Asia Iurlo, coordinatrice di Link Medicina Bari, sostiene: “Questa domanda non chiede semplicemente un dato statistico su una caratteristica, come ad esempio l’incidenza dei capelli biondi nella popolazione italiana. L’orientamento sessuale è un dato estremamente complesso, e non ci sono evidenze scientifiche univoche su cosa lo determini. Il quesito è quantomeno inappropriato e, considerando il contesto, assolutamente inaccettabile.”
aqpfacile.it
progettoimmobiliaresrl.com
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here