Per 15 anni, nella sua mansione di gestore di investimenti della clientela privata di una banca di Taranto, si sarebbe appropriata indebitamente di oltre 400mila euro, truffando soprattutto persone anziane: con questa accusa una donna di 54 anni è stata arrestata e posta ai domiciliari dalla Finanza. Le sono stati anche sequestrati 40mila euro. L’indagine è partita dopo la querela presentata nel dicembre dello scorso anno da una delle vittime.
L’indagata, dipendente di un istituto bancario di Taranto dal 2001 al 2016 e poi impiegata da collaboratore privato in un’altra banca, simulava – secondo l’accusa – la sottoscrizione di polizze di investimento, impadronendosi di somme relative a disinvestimenti non disposti dai titolari, faceva bonifici e prelevamenti diretti sui conti correnti dei clienti a loro insaputa, e utilizzava carte bancomat a loro intestate e di cui non conoscevano neppure l’esistenza.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here