Sono  due le crisi occupazionali in questi giorni aperte: Om e Sud Est. Ad illustrarle il consigliere comunale di opposizione, Giuseppe Carrieri.
“La prima è quella dei 194 ex lavoratori OM, da troppo tempo “usati” da sindacalisti, politici e imprenditori e per i quali i prossimi mesi saranno –ancora una volta- mesi di battaglie e di sofferenze. E’ infatti praticamente svanita – commenta Carrieri – la poco verosimile ipotesi di riconversione del sito ex OM in fabbrica per la macchina elettrica “made in Bari” da parte della Tua Industries. Ipotesi che peraltro non poco è costata alle finanze pubbliche (tra cigs e altro) e che solo improvvisati imprenditori e politici potevano sostenere per la propria visibilità mediatica”.
La seconda è quella degli oltre 60 lavoratori dell’officina di manutenzione di Bari delle Ferrovie Sud Est, che fra poche settimane verrà chiusa per trasferire tutte le attività a Taranto. “Qui la responsabilità è sempre della “politica”,  giacché – prosegue –  Ferrovie Sud Est è stata dalla “politica” salvata dal fallimento, non certamente per ridurre i livelli occupazionali e/o costringere decine di baresi a trasferirsi a lavorare a Taranto. Eppure non si riesce a far comprendere quanto devastanti siano –per intere famiglie- le improvvide scelte aziendali e quanta irresponsabilità ci sia nella conduzione di aziende totalmente pubbliche che, se non tutelano il lavoro, non si capisce proprio perchè debbano continuare a esistere a spese dei contribuenti”
“Due crisi – conclude Carrieri – altamente simboliche e molto dolorose,  che coinvolgono centinaia di famiglie baresi praticamente abbandonate dalle istituzioni”.
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.


caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here