Gli ospedali pugliesi, in media, restano lontani da standard accettabili di umanizzazione delle cure ma quelli baresi, nella mediocrità, risultano essere i migliori. Le 60 strutture ospedaliere non sono a dimensione di paziente, è quanto emerge dal rapporto Agenas e Aress sulla “valutazione partecipata dell’umanizzazione nelle strutture di ricovero”, progetto al quale il governatore Michele Emiliano ha voluto un’adesione completa dell’intera rete ospedaliera regionale pubblica e privata.

L\'articolo continua sotto alla pubblicità Storia d'Italia

I voti agli ospedali pugliesi

Tutti gli ospedali, quindi, sono stati esaminati e il voto finale non è lusinghiero: la media è di 5,8 su una scala da 1 a 10, significa quindi che non viene raggiunta nemmeno la sufficienza nonostante un leggero miglioramento rispetto al 2014, quando il voto si fermò a 5,2. Il progetto di ricerca è stato coordinato dall’ARess Puglia del commissario Giovanni Gorgoni, la ricognizione è stata svolta tra giugno e luglio scorsi: i gruppi di valutazione hanno dovuto verificare la presenza negli ospedali di servizi, processi e logistiche riuniti in 156 item funzionali a una corretta relazione umana con il paziente/cittadino. L’analisi è complessa e prende in considerazione 5 grandi aree tematiche ma circa 300 parametri diversi. Le aree tematiche sono: “Processi assistenziali e organizzativi orientati al rispetto e alla specificità della persona”; “Accessibilità fisica, vivibilità e comfort degli ospedali”; “Accesso alle informazioni, semplificazione e trasparenza”; “Cura della relazione con il paziente e con il cittadino”; “Sicurezza del paziente”. Gli aspetti valutati, come detto, sono centinaia, ecco qualche esempio: assenza di barriere architettoniche, punti di accoglienza, supporto psicologico, terapie intensive aperte, l’accesso di persone di fiducia del malato, strumenti di valutazione del dolore, partoanalgesia, rooming-in, separazione visiva dei posti letto, tutela della diversità linguistica e religiosa, facilità e chiarezza di accesso alle strutture, trasparenza documentale, procedure di governo clinico per la sicurezza del paziente. L’area tematica dove vi è il maggior incremento è quella della “Cura della relazione con il paziente”, passata dal precedente 4,25 all’attuale 5,1. E’ di rilievo anche l’area tematica di “Accessibilità e vivibilità” degli ospedali che ha avuto un incremento del 9% (è passato da 6,05 a 6,6). Per quanto riguarda, invece, l’area tematica relativa “all’accesso alle informazioni e alla trasparenza” il voto resta negativo ma passa da 5,35 del 2014 a 5,9. Male anche il giudizio complessivo sui “processi assistenziali e organizzativi orientati al rispetto e alla specificità” del paziente: il voto passa da 4,4 a 5,1, fortemente insufficiente.

La situazione a Bari e provincia

Cinque sono gli ospedali che hanno un punteggio superiore a 7: il Di Venere di Bari (7,9), l’Irccs “De Bellis” di Castellana Grotte (7,4), la Salus di Brindisi (7,4), il Santissima Annunziata di Taranto (7,2) e il Civile di Castellaneta (7,2).Ma anche altri ospedali di Bari e provincia sono, comunque, sopra la sufficienza: il pediatrico Giovannii XXIII (6,9), il San Paolo (6,6), il Miulli (6,5), l’ospedale della Murgia (6,5) e il Policlinico (6,4).

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

3 COMMENTI

  1. MEDIOCRE IL GIUDIZIO SUGLI OSPEDALI A BARI. MA DESIDERO SOTTOLINEARE CHE A TARANTO DOPO AVER TOLTO IL SEVIZIO PRONTO SOCCORSO A L MOSCATI – MANCANO AL SS.ANNUNZIATA ANCHE LE BARELLE PER TRASPORTARE I MALATI, INOLTRE CON LA NOTA 48 DELL’ASSESSORE (EMILIA NO ?) I MALATI CRONICI DEVONO PAGARE I GASTROPROTETTORI E ALTRE MEDICINE – CHE SONO COSTOSE…… – LUNGHE LISTE D’ATTESA PER ALCUNE PRESTAZIONI SANITARIE……… IL RISPARMIO VIENE EFFETTUATO ‘ ALL’OSPEDALE DI TARANTO MENTRE A BARI………………….
    IN SINTESI – GIUDIZIO : AL PRONTO SOCCORSO DEL SS.ANNUNZIATA E ASL : SERVIZI SCADENTI E MANCANZA DI PERSONALE………………….-

  2. Secondo me ci ha valutato ha commesso un grosso errore…per valutare dovrebbe fare il percorso del paziente partendo dall’arrivo in pronto soccorso a seguire.
    Il miglior ospedale non è affatto il di Venere, ma al contrario, il policlinico, in quanto offre tutto al paziente, l’assistenza è completa…ed il personale è molto più sensibilizzato ed attento a certi valori.

  3. Mi sono intertogata su quali potessero essere i valori di riferimento degli operatori del policlinico di bari…ma nulla. La sanità in puglia é vergognosamente sciatta maleducata inefficiente classista e, spesso, incompetente….mi chiedo come abbiano potuto avere una valutazione discreta….il paziente in puglia é paziente perché ha pazienza prima ancora che perché malato….

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here