Gli ospedali pugliesi, in media, restano lontani da standard accettabili di umanizzazione delle cure ma quelli baresi, nella mediocrità, risultano essere i migliori. Le 60 strutture ospedaliere non sono a dimensione di paziente, è quanto emerge dal rapporto Agenas e Aress sulla “valutazione partecipata dell’umanizzazione nelle strutture di ricovero”, progetto al quale il governatore Michele Emiliano ha voluto un’adesione completa dell’intera rete ospedaliera regionale pubblica e privata.

I voti agli ospedali pugliesi

Tutti gli ospedali, quindi, sono stati esaminati e il voto finale non è lusinghiero: la media è di 5,8 su una scala da 1 a 10, significa quindi che non viene raggiunta nemmeno la sufficienza nonostante un leggero miglioramento rispetto al 2014, quando il voto si fermò a 5,2. Il progetto di ricerca è stato coordinato dall’ARess Puglia del commissario Giovanni Gorgoni, la ricognizione è stata svolta tra giugno e luglio scorsi: i gruppi di valutazione hanno dovuto verificare la presenza negli ospedali di servizi, processi e logistiche riuniti in 156 item funzionali a una corretta relazione umana con il paziente/cittadino. L’analisi è complessa e prende in considerazione 5 grandi aree tematiche ma circa 300 parametri diversi. Le aree tematiche sono: “Processi assistenziali e organizzativi orientati al rispetto e alla specificità della persona”; “Accessibilità fisica, vivibilità e comfort degli ospedali”; “Accesso alle informazioni, semplificazione e trasparenza”; “Cura della relazione con il paziente e con il cittadino”; “Sicurezza del paziente”. Gli aspetti valutati, come detto, sono centinaia, ecco qualche esempio: assenza di barriere architettoniche, punti di accoglienza, supporto psicologico, terapie intensive aperte, l’accesso di persone di fiducia del malato, strumenti di valutazione del dolore, partoanalgesia, rooming-in, separazione visiva dei posti letto, tutela della diversità linguistica e religiosa, facilità e chiarezza di accesso alle strutture, trasparenza documentale, procedure di governo clinico per la sicurezza del paziente. L’area tematica dove vi è il maggior incremento è quella della “Cura della relazione con il paziente”, passata dal precedente 4,25 all’attuale 5,1. E’ di rilievo anche l’area tematica di “Accessibilità e vivibilità” degli ospedali che ha avuto un incremento del 9% (è passato da 6,05 a 6,6). Per quanto riguarda, invece, l’area tematica relativa “all’accesso alle informazioni e alla trasparenza” il voto resta negativo ma passa da 5,35 del 2014 a 5,9. Male anche il giudizio complessivo sui “processi assistenziali e organizzativi orientati al rispetto e alla specificità” del paziente: il voto passa da 4,4 a 5,1, fortemente insufficiente.

La situazione a Bari e provincia

Cinque sono gli ospedali che hanno un punteggio superiore a 7: il Di Venere di Bari (7,9), l’Irccs “De Bellis” di Castellana Grotte (7,4), la Salus di Brindisi (7,4), il Santissima Annunziata di Taranto (7,2) e il Civile di Castellaneta (7,2).Ma anche altri ospedali di Bari e provincia sono, comunque, sopra la sufficienza: il pediatrico Giovannii XXIII (6,9), il San Paolo (6,6), il Miulli (6,5), l’ospedale della Murgia (6,5) e il Policlinico (6,4).

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.



caricamento...

3 COMMENTI

  1. MEDIOCRE IL GIUDIZIO SUGLI OSPEDALI A BARI. MA DESIDERO SOTTOLINEARE CHE A TARANTO DOPO AVER TOLTO IL SEVIZIO PRONTO SOCCORSO A L MOSCATI – MANCANO AL SS.ANNUNZIATA ANCHE LE BARELLE PER TRASPORTARE I MALATI, INOLTRE CON LA NOTA 48 DELL’ASSESSORE (EMILIA NO ?) I MALATI CRONICI DEVONO PAGARE I GASTROPROTETTORI E ALTRE MEDICINE – CHE SONO COSTOSE…… – LUNGHE LISTE D’ATTESA PER ALCUNE PRESTAZIONI SANITARIE……… IL RISPARMIO VIENE EFFETTUATO ‘ ALL’OSPEDALE DI TARANTO MENTRE A BARI………………….
    IN SINTESI – GIUDIZIO : AL PRONTO SOCCORSO DEL SS.ANNUNZIATA E ASL : SERVIZI SCADENTI E MANCANZA DI PERSONALE………………….-

  2. Secondo me ci ha valutato ha commesso un grosso errore…per valutare dovrebbe fare il percorso del paziente partendo dall’arrivo in pronto soccorso a seguire.
    Il miglior ospedale non è affatto il di Venere, ma al contrario, il policlinico, in quanto offre tutto al paziente, l’assistenza è completa…ed il personale è molto più sensibilizzato ed attento a certi valori.

  3. Mi sono intertogata su quali potessero essere i valori di riferimento degli operatori del policlinico di bari…ma nulla. La sanità in puglia é vergognosamente sciatta maleducata inefficiente classista e, spesso, incompetente….mi chiedo come abbiano potuto avere una valutazione discreta….il paziente in puglia é paziente perché ha pazienza prima ancora che perché malato….

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here