Si terrà domani, alle 11.30, alla presenza del sindaco Antonio Decaro, dell’assessore alla Toponomastica Angelo Tomasicchio e della presidente del Municipio I Micaela Paparella, la cerimonia di intitolazione della piazzetta antistante la delegazione municipale di Torre a Mare a Giacomo Decaro.
La piazzetta, ubicata tra le vie Leopardi, Tripoli e Monte Sei Busi, è stata dedicata a Giacomo Decaro, medico condotto e personalità dalle grandi competenze professionali ed eccellenti doti umane, accogliendo la proposta della Pro Loco di Torre a Mare.
L’intitolazione di un’area pubblica della città rappresenta il riconoscimento dell’amministrazione comunale nei confronti di Giacomo Decaro, il cui ricordo è rimasto vivo nella memoria di chi l’ha conosciuto e ne ha apprezzato la ricchezza d’animo e la grande professionalità al servizio della comunità.

BIOGRAFIA GIACOMO DECARO (1921-1995)

Giacomo Decaro nasce a Noicattaro il 24 aprile 1921. Dopo essersi laureato in Medicina e Chirurgia il 13 maggio 1953, consegue il diploma di perfezionamento in Igiene presso l’Università degli studi di Bari. Riceve l’onorificenza di Cavaliere della Repubblica il 27 dicembre 1967. Trasferitosi con la famiglia nel borgo di Torre a Mare, vi esercita l’incarico di medico condotto dal 1954 sino al 1973, quando come vincitore di concorso passa alla 4^ Condotta Medica di Bari fino al 1991. Nonostante il suo trasferimento a Bari, continua a prestare la sua opera tra la gente di Torre a mare.
La cittadinanza gli ha sempre dimostrato grande apprezzamento e affetto per la sua disponibilità e umanità e  per il suo impegno nei confronti della comunità di Torre a Mare.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here