Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

La decisione di mettere a pagamento le buste biodegradabili per la frutta e le  verdure non ha creato il caos solo  tra i consumatori, ma anche tra i commercianti. “Sebbene il principio alla base con la sostituzione dei sacchetti ultraleggeri in uso con quelli biodegradabili sia lodevole, confermandoci un Paese virtuoso in Europa, nel rispetto dell’ambiente e dunque di noi stessi, coerentemente in linea con l’abolizione delle shopper non compostabili disposta ed accolta già nel 2011, credo – dichiara Leo Carriera direttore Confcommercio Bari – sia poco corretto lo strumento imposto dall’Unione Europea che prevede, tra l’altro, tempistiche di applicazione poco graduali”.

A differenza delle shopper, infatti, che possono a discrezione dei consumatori essere opzionate in cassa o sostituite anche con borse riutilizzabili per il trasporto, la nuova norma che vieta l’uso dei sacchetti ultraleggeri come imballaggio primario per gli alimenti sfusi, obbliga gli esercenti a richiedere ai clienti, di fatto, il pagamento dei nuovi sacchetti biodegradabili e compostabili, poiché non esiste una vera alternativa ad essi.

“Per gli addetti ai lavori e gli esercenti è oltremodo difficile monitorare l’uso da parte dei clienti di sacchetti portati da casa e verificarne l’idoneità senza evitare di creare contenziosi e confusione con la clientela. Sarebbe auspicabile – conclude Carriera – pensare di prendere almeno sei mesi di tempo senza elevare da subito salate sanzioni per i commercianti che non rispettano la normativa vigente, per verificare gli effetti pratici scaturiti da un provvedimento del genere e dare la possibilità a consumatori ed esercenti di adeguarvisi gradualmente”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui