Performance artistiche, seminari, laboratori, spettacoli e mostre animeranno la città per stimolare la condivisione di pratiche sociali e culture nonviolente, a partire dal presupposto che la violenza di genere rappresenta in primis una questione di tipo culturale. La manifestazione “Generare Culture Nonviolente” è coordinata dal consorzio Elpendù e dalla cooperativa sociale Progetto Città.

“Sono 20.137 le donne che nel 2017 hanno chiesto aiuto ai centri antiviolenza e 123 le donne uccise, senza contare tutte le vittime, piccole e grandi, che subiscono discriminazioni, maltrattamenti e violenze e non hanno la forza e il coraggio di denunciare – ha dichiarato l’assessore Francesca Bottalico -. Lo dimostrano anche i dati a disposizione del nostro centro antiviolenza comunale: tutte italiane e quasi tutte costrette a subire violenza, psicologica o fisica, da uomini italiani, compagni o ex partner, spesso davanti ai propri figli, vittime di violenza assistita di cui spesso si sottovalutano le atroci conseguenze”.  Solo a Bari, in 6 mesi, il centro comunale ha intercettato 215 casi.

Dal 21 al 24 novembre un ricco programma di seminari, eventi e laboratori animeranno gli spazi dell’Urban Center di Bari, in via de Bellis. Tra gli eventi in programma, vi saranno spazi allestiti per la lettura “face to face” di brani tratti da testi sulla cultura di genere, un’installazione collettiva di immagini e parole, la mostra fotografica R.E.A.D.Y. contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia.

Laboratori e iniziative, reading e letture animate, saranno rivolti in particolar modo a bambine e bambini, ragazzi e ragazze, per promuovere una cultura della nonviolenza, contrastando stereotipi e pregiudizi. Agli adulti, invece, saranno dedicati laboratori artistici e creativi sul tema, dimostrazioni di difesa personale, un laboratorio di Arti terapie integrate con tecniche volte a favorire l’introspezione e la conoscenza di sé attraverso le emozioni. Tra i seminari e gli incontri di formazione, il 23 e 24 novembre avranno luogo la presentazione di “Sei sempre tu”, il testo divulgativo realizzato con la collaborazione di psicologi Agedo e della pedagogista Gabriella Falcicchio; “Razzismo ieri e oggi: niente di nuovo sotto il sole”, l’incontro dibattito con l’antropologo Felice Di Lernia per riflettere insieme sulle cause e le manifestazioni del razzismo ieri e oggi; “Lo strumento dell’ammonimento e il cyberbullismo”, il seminario di formazione sull’art. 8 della legge n. 38/2009. Presso l’Urban Center, inoltre, saranno presenti le operatrici del Centro antiviolenza comunale che illustreranno agli interessati attività e servizi offerti sul territorio.

La manifestazione si chiuderà domenica 25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne, con un evento finale nell’Officina degli Esordi: a partire dalle ore 19 il concerto di Marzia Stano, in arte UNA, artista che con i suoi brani parla anche di violenza di genere e valorizzazione delle differenze e che tra gli altri canterà il brano “Marie” dedicato a Marie Tritignant, l’attrice assassinata dal marito e cantante Bertrand Cantat a mani nude in una stanza d’albergo il 26 luglio del 2003. Nelle stesse giornate tantissime altre iniziative ed eventi sui temi di Generare Culture Nonviolente animeranno tutti i quartieri cittadini.

L’elenco completo degli eventi sarà pubblicato sul sito www.comunedibari.it e sulla pagina facebook Generare Culture Nonviolente.

Tutte le iniziative sono ad ingresso gratuito.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
fieradellevante.it
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here