Via libera al restyling del sottovia Giuseppe Filippo, per un importo di 250mila euro. Nell’ambito degli interventi, che andranno in gara entro fine anno, tutti i vetri presenti (alcuni dei quali danneggiati, altri rimossi e altri ancora completamente oscurati da scritte e affissioni selvagge) saranno eliminati e sostituiti con pannelli del tipo orsogrill con maglia quadrata 5 cm, per consentire la circolazione dell’aria all’interno del sottopasso, che sarà comunque monitorato grazie all’installazione di speciali sensori collegati con delle lampade semaforiche all’esterno, che diventeranno rosse o verdi a seconda della qualità dell’aria rilevata.

A garanzia della sicurezza dei cittadini il camminamento pedonale sarà dotato di un sistema di videosorveglianza – con una telecamera ogni 15 metri allocata in posizione irraggiungibile per scongiurare atti vandalici -, e disporrà di pulsanti di sicurezza da azionare in caso di pericolo per allertare la polizia locale. Tra i lavori di riqualificazione del sottopasso è previsto anche un nuovo impianto di illuminazione a led, del tipo a linea continua, che offrirà uno standard di illuminamento elevato, necessario per una buona resa delle immagini riprese dalle telecamere.

“A giorni – commenta l’assessore ai Lavori pubblici, Giuseppe Galasso – sarà pubblicata la gara che ci consentirà di eseguire i lavori necessari a restituire decoro e sicurezza al camminamento pedonale del sottovia Giuseppe Filippo, come promesso dal sindaco ai residenti del quartierino, che sono i principali fruitori della struttura. Nel frattempo, grazie a un’interlocuzione serrata con AQP e i gestori della rete ferroviaria FAL, sono in corso una serie di verifiche necessarie per risolvere i problemi di infiltrazione rilevati nel sottopasso”.

aqpfacile.it
progettoimmobiliaresrl.com
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here