Il gup del Tribunale di Bari, Rosa Anna Depalo, ha rinviato a giudizio il 50enne di Bitonto Domenico Lisi, accusato di tentata estorsione ad un avvocato barese. Stando alle indagini della Procura di Bari l’uomo avrebbe tentato di costringere il legale, minacciandolo, a rinunciare all’esecuzione di un sequestro conservativo disposto dalla Corte di Appello di Bari, nell’ambito di un procedimento civile per risarcimento danni nel quale l’avvocato difendeva una famiglia controparte di Lisi.

I fatti risalgono al 4 ottobre 2018. Lisi, in concorso con due donne, che nelle telefonate minatorie si qualificavano come moglie e figlia, avrebbe intimato al professionista di non eseguire il sequestro, del valore complessivo di circa 300 mila euro e relativo alla restituzione di alcuni immobili a Giovinazzo. «Abbiamo già tutto pronto – gli avrebbero detto – quindi le diamo otto giorni di tempo da ora». All’avvocato sarebbe anche arrivata indirettamente la minaccia di dar fuoco al suo studio. Il processo inizierà il prossimo 2 aprile dinanzi al Tribunale di Bari. La vittima, costituta parte civile, è difesa dall’avvocato Gaetano Sassanelli. L’imputato è detenuto agli arresti domiciliari dal 29 ottobre scorso.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
fieradellevante.it
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here