I candidati delle liste civiche “Di Rella sindaco”, “Di Rella per Bari” e “Lista sport per Bari” rinunceranno volontariamente al 50 per cento dei compensi. Lo comunica il candidato sindaco del centrodestra Pasquale Di Rella che già nel corso della passata consigliatura aveva rinunciato a parte delle sue indennità. L’annuncio riguarda però esclusivamente i candidati delle sue liste civiche, mentre nulla è stato detto riguardo agli altri, quelli che appartengono a partiti che sostengono Di Rella (Lega, Forza Italia, Fratelli di Italia per cominciare).

Di Rella sta portando avanti una campagna puntando sulla trasparenza. E dopo la denuncia riguardo a firme raccolte da parte della lista civica “Avanti Decaro” senza la presenza di un pubblico ufficiale, è lo stesso candidato sindaco a ricordare di avere personalmente autenticato 1500 firme. “I cittadini – ha detto Di Rella – a cui è richiesta la firma per la presentazione di una lista in assenza di un pubblico ufficiale denuncino i responsabili in Procura”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

1 COMMENTO

  1. Questo è l’errore che io facevo presente a Di Rella. Prima di entrare a fare parte delle Primarie con la Lega e Fratelli d’Italia e Forza Italia e del mio progettobar.italia@libero.it al che il Di Rella si è defilato facendo nascere una coalizione che se dovesse vincere vedrà assessori decurtati del 50 per cento e altri no. Un pasticcio amministrativo. Questo vale anche per i Consiglieri dei mini municipi. Ma lui pur di entrare a fare parte delle Primarie ha taciuto di questo ad altri partiti che ora formano il suo Cartello elettorale. Prove ne è che non è in grado di fare il Sindaco xchè manca di coerenza e di fermezza decisionale. Insomma un Sindaco senza forza decisionale. Per questo non mi sono candidato in una delle sue liste civiche:Di Rella Sindaco.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here