Cabtutela.it
Aproli

Ammonta a circa 230 milioni l’articolato piano di interventi condiviso da Regione, AQP, AIP e Comune di Bari per l’ammodernamento e l’efficientamento degli impianti fognari, delle reti idriche e dei depuratori a servizio della città di Bari.

Con un investimento di 20,4 milioni di euro è stato finanziato il progetto del nuovo impianto di sollevamento fognario di “Torre del Diavolo”, che sorgerà sul sito adiacente l’attuale impianto in località Torre Carnosa, sul lungomare sud di Bari. Un impianto dotato delle migliori tecnologie per evitare lo sversamento a mare dei reflui e risolvere ogni tipo di problematiche idrauliche. Il progetto prevede anche la riqualificazione paesaggistica del sito, l’efficientamento energetico e la presenza di sistemi di telecontrollo e di videosorveglianza e antintrusione. Tempi previsti per completare le fasi di progettazione e appalto circa un anno, mentre per il completamento dei lavori si prevedono circa tre anni.
Sull’impianto già esistente di Torre del Diavolo, che raccoglie le acque reflue urbane dei quartieri di Bari (Murat, Borgo Antico, Madonnella, Japigia, Picone, Poggiofranco, Carrassi, San Pasquale, Carbonara, Ceglie e Loseto) per inviarle all’impianto di depurazione di Bari Est, sono già in corso interventi di manutenzione straordinaria (1,5 milioni di euro) e di progettazione della sostituzione della condotta fognaria che arriva al Depuratore di Bari Est per circa 2,5 chilometri (importo previsto 6,5 milioni di euro).

Completano il quadro degli interventi:
a) potenziamento dell’impianto di Bari Ovest, investimento complessivo di 34,6 milioni di euro, termine dei lavori previsto entro l’anno
b) potenziamento del depuratore di Bari Est, investimento di 25,5 milioni di euro, è in corso la gara per l’appalto integrato per la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori
c) prolungamento delle condotte sottomarine dei due depuratori, in modo da allontanare le acque depurate dalla costa, progetti del valore di circa 21 milioni di euro, gare d’appalto per le progettazioni previste entro fine 2020
d) ammodernamento ed efficientamento delle reti idrico-fognarie del canale Picone per superare le criticità spesso presentatisi sulla spiaggia di Pane e Pomodoro a seguito di forti piogge, intervento complessivo di oltre 31 milioni di euro. Già eseguito un primo progetto di manutenzione straordinaria del valore di 2,3 milioni, in fase di approvazione un secondo progetto dell’importo di 29 milioni di euro, la cui gara di appalto integrato per la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori partirà presumibilmente entro giugno 2020
e) completamento delle reti idriche e fognarie nelle zone periferiche per un totale di oltre 26 chilometri e 5 nuovi impianti di sollevamento fognario, investimento di 16,5 milioni, è in corso la gara di appalto integrato per la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori che si concluderà entro l’inizio del 2021. Durata dei lavori prevista, circa 3 anni e mezzo
f) risanamento rete idrica di tutta la città per investimenti pari a 68 milioni
g) opere di manutenzione straordinaria dell’impianto di sollevamento ubicato sul lungomare IX maggio, lungo il tratto San Girolamo, investimento di circa un milione di euro, intervento già realizzato
Tutti questi interventi contribuiranno a migliorare le condizioni igienico-sanitarie della città, a mantenere un’elevata qualità dell’acqua marina, a garantire la fruibilità delle spiagge cittadine e a preservare l’ambiente e la salute dei baresi.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui