Cabtutela.it
acipocket.it

“La protezione civile nazionale ha consegnato questa sera alla Regione Puglia, all’aeroporto di Bari Palese, 42mila mascherine chirurgiche, con un volo della Guardia Costiera, che costituiscono meno di un terzo del fabbisogno quotidiano di mascherine chirurgiche dell’intera regione”. Lo comunica il dirigente della sezione Protezione civile della Regione Puglia Mario Lerario.

Continua quindi il problema legato alla consegna da parte della Protezione civile di dispositivi di protezione per il personale sanitario della Puglia. Il governatore Michele Emiliano proprio ieri aveva sollevato il problema a Domenica In. : “Oggi al Policlinico di Bari abbiamo distribuito delle tute non della tipologia di bio contenimento ma con caratteristiche diverse. C’è il rischio che questi ragazzi siano privi della protezione minima”, ha detto Emiliano.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

2 COMMENTI

  1. Un Sud che invia infermieri e medici al Nord in cambio di 100.000 untori con destinazione Puglia, e ben oltre il milione nelle regioni dell’estremo Sud. Una protezione civile che finanzia mascherine, guanti, tute, e ventilatori polmonari in Lombardia e che si dimentica totalmente della Puglia, Campania, Sicilia, Basilicata, Molise e via dicendo. Un governo che mostra gratitudine verso una Cina responsabile della catastrofe planetaria, e menzognera all’inizio delle infezioni, sui numeri dei contagiati, sui numeri dei decessi, sugli esiti delle statistiche di laboratorio. Un Di Maio finto emozionato che rimarca la solidarietà cinese, pensando che gli italiani sono tutti fessi, e che non sono al corrente della verità, vuole quella che un decimo di ciò che ci è arrivato appartiene alla Croce Rossa internazionale e non alla Cina, mentre i restanti nove decimi li stiamo pagando. Un governo che accetta l’aiuto della Russia, e non è a conoscenza che al posto degli aiuti arriveranno a destinazione degli 007 russi con lo scopo di spiarci e allo stesso tempo di apprendere nozioni mediche dall’Italia. Un governo dai mille decreti, da autocertificazioni che cambiano giorno per giorno, in totale confusione mentale. Un governo che si pregia di essere stati i primi ad adottare misure drastiche, e che poi fa acqua da tutte le parti: metrò super affollati in Lombardia, disinfezione di strade e mezzi di trasporto inesistenti, provvedimenti di contenimento gocce a gocce, virologi o peudo-tali che per settimane parlavano di un banale virus simil-influenzale. Una catastrofe nella catastrofe. Nei piccoli comuni, parlo della provincia di Bari, non c’è controllo, soprattutto in periferia vi si trova di tutto, assembramenti nelle campagne limitrofe, genitori in strada che fanno svagare i propri i figli assieme ad altre mamme con bambini, via vai di auto le stesse che si muovono decine di volte al giorno, untori arrivati dal Nord e nascosti accolti nelle case dei famigliari, i quali poi disinteressatamente dalla possibilità che possano aver contratto il virus, vanno al supermercato, alla pescheria, al fruttivendolo, e si soffermano anche a fare chiacchiere con altra gente. Siamo un paese governato da porci ed incapaci, e che governa un popolo di porci di irresponsabili. Ovvio che c’è l’eccezione tra la popolazione, non tra la politica. Mentre scrivo questo commento, due autoauto, una con stereo a tutto volume, si sono fermate, gli occupanti sono usciti dal veicolo per salutarsi con baci e abbracci. Sarei tentato di filmarli e di metterli sulla rete, ma non li faccio sia per non violare la privacy, sia perché non fa notizia perché nessuno rispetta. Siamo un popolo senza futuro purtroppo, l’ignoranza è tanta come l’inciviltà, per cui meritiamo quei personaggi che sono al governo.

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui