Cabtutela.it
Il Rettore del Politecnico di Bari, Francesco Cupertino e l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Terna, Luigi Ferraris, hanno firmato un accordo per la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione dell’infrastruttura elettrica nazionale. L’accordo prevede l’apertura di un Innovation Hub, cioè un laboratorio integrato multidisciplinare, all’interno del Politecnico, nel quale un team misto di ricercatori universitari ed esperti aziendali lavoreranno fianco a fianco a progetti scientifici di comune interesse.
I progetti, strettamente legati al contesto economico, sociale e produttivo del territorio, punteranno a valorizzare la collaborazione tra Politecnico e imprese per lo sviluppo e l’integrazione delle competenze in ambiti di ricerca multidisciplinari, finalizzati alla gestione e alla sicurezza del sistema elettrico nazionale. In particolare, i progetti riguarderanno i seguenti temi: edge computing/distributed computing, per la raccolta e l’analisi dei dati in tempo reale; i servizi avanzati per le infrastrutture elettriche; la sicurezza informatica; le tecnologie digitali; additive manufacturing.
“L’accordo che abbiamo siglato con il Politecnico di Bari è un ulteriore passo nella nostra strategia volta all’innovazione e per la quale Terna prevede investimenti complessivi di 900 milioni di euro nei prossimi 5 anni. Questa collaborazione tra le eccellenze dei centri di ricerca universitari, gli studenti e le professionalità di Terna rappresenta un’importante opportunità per realizzare nel territorio pugliese progetti di formazione innovativi, integrare idee, competenze e network a beneficio di una rete elettrica sempre più moderna, efficiente, flessibile e sostenibile in grado di favorire la transizione energetica in corso” dichiara l’Amministratore Delegato di Terna, Luigi Ferraris.
«Nasce oggi una nuova importante partnership per il Politecnico di Bari – commenta il rettore Cupertino – che ci permetterà di sviluppare ulteriormente le consolidate competenze nell’ambito dei sistemi elettrici integrandole con le nuove tecnologie dell’ingegneria dell’informazione. Per noi – aggiunge Cupertino – è una occasione per rinnovare e rilanciare le attività di ricerca ma anche quelle didattiche in un settore, quello dell’energia, che riteniamo strategico per lo sviluppo sicuro e sostenibile del nostro Paese».
L’accordo tra il Politecnico di Bari e Terna, infatti, prevede anche la possibilità di concordare modalità innovative di formazione e collaborazione con gli studenti, quali ad esempio eventi e seminari, giornate di orientamento durante le quali i manager dell’azienda illustreranno le opportunità di lavoro e formazione, i ruoli e le competenze richieste. Gli studenti avranno anche l’opportunità di mettersi in gioco, attraverso simulazioni, in colloqui di selezione.
La transizione energetica in atto richiede un nuovo approccio verso l’innovazione, basato sull’accelerazione di un portafoglio di iniziative di ricerca e sviluppo efficace e coerente con le strategie aziendali, anche in collaborazione con Università e community dei giovani innovatori. In tal senso, nel 2019 sono stati avviati tre Innovation Hub a Torino, Napoli e Milano, con l’obiettivo, di sviluppare progetti innovativi focalizzati sui nuovi trend tecnologici rilevanti per il sistema elettrico grazie alla creazione di gruppi di lavoro e future professionalità di eccellenza.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui