Cabtutela.it
acipocket.it

Da giovedì 9 aprile sono già seicento le pizze, alle quali si aggiungono molti gelati, panini e fritture miste, donate a medici e operatori sanitari che lavorano nei reparti Covid del Policlinico di Bari, grazie ai ristoratori che hanno aderito al progetto “Una pizza per gli eroi”, l’iniziativa del cartello di associazioni “Le Strade di San Nicola” in collaborazione con Promostudio.

«Ogni sera, intorno alle 21, al cambio turno – spiegano gli organizzatori – in almeno nove reparti distribuiti in tutto il padiglione ‘Asclepios’ del Policlinico smontano circa 150 tra medici e infermieri. Ad attenderli, in zona ‘sicurà, ci sono pizze, gelati e molto altro». «È stata molto emozionante la risposta che la città di Bari ha dato a questa iniziativa che siamo riusciti ad attuare in pochissimi giorni – spiega il presidente de ‘Le strade di San Nicolà, il medico Lorenzo Moretti – ci piaceva l’idea di poter dare un momento di ricreazione e un sostegno morale e simbolico, ai professionisti che in questi giorni stanno dedicando la loro vita con turni ‘provantì ai malati affetti da Coronavirus. Abbiamo deciso di apostrofarli come eroi, non in quanto medici o infermieri, ma proprio perché molti di loro hanno deciso di allontanarsi dalla propria casa e prendere in affitto un appartamento a spese loro, pur di continuare a svolgere il lavoro che amano e non rischiare di essere ‘untorì di familiari o conviventi». «Fondamentale – aggiunge Susana Vega, promotrice dell’iniziativa sulla scorta dell’esperienza spagnola di ‘Food4Heroes’ – è stata la collaborazione della direzione generale del Policlinico che ha permesso di rendere fruibili gli accessi e di coinvolgere i responsabili dei reparti Covid». Lo stesso format, concludono gli organizzatori, sarà replicato in altri ospedali della provincia, dal momento che sono in corso contatti con altre realtà solidali.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui