Cabtutela.it
acipocket.it

Nel giro di pochi giorni le Unità speciali di continuità assistenziale, le Usca, le squadre di medici e operatori sanitari, saranno pronte ad entrare in azione sul territorio pugliese per l’assistenza a domicilio dei malati di Covid che non hanno bisogno di ricovero ospedaliero. Lo annuncia la Regione Puglia.

Da domani saranno pronti i kit di dispositivi di protezione individuale per 400 operatori di tutte le Asl pugliesi. Ciascun operatore riceverà nella fase iniziale un kit di 5 tute, due visiere, 2 occhiali, 100 maschere chirurgiche, 50 mascherine Ffp2 e100 paia di guanti. «Nella Asl di Bari – spiega il direttore generale Antonio Sanguedolce – ci sono a disposizione 120 medici. Domani trasmetteremo al dipartimento regionale il cronoprogramma per l’inizio delle attività, con le attivazioni e le sedi. Per Vito Piazzolla, dg della Asl Foggia »entro la prossima settimana dovremmo partire«. A Taranto i medici sottoscriveranno i contratti domani e cominceranno la formazione; a Lecce è stata firmata la delibera di attuazione e dalla prossima settimana, dopo la sottoscrizione dei contratti e la formazione, partiranno le prime 8 Usca. A Brindisi l’assistenza domiciliare dovrebbe iniziare il 27 aprile.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui