Cabtutela.it

Ricchi di fibre e vitamine del gruppo A e C, antiossidanti e depurativi: sono solo alcune delle proprietà degli asparagi, gli ortaggi verdi dal sapore intenso e amarognolo. Originari dell’Asia, ma oggi diffusi in tutta Europa, se utilizzati abitualmente sono capaci di apportare preziosi benefici al corpo e alla mente. Si tratta, nello specifico, di piante erbacee perenni, appartenenti alla stessa famiglia di aglio e cipolla, dunque delle Liliaceae.

Tra le tante proprietà degli asparagi, spiccano indubbiamente la ricchezza di fibre e le notevoli capacità antiossidanti. Questi ortaggi, inoltre, sono molto efficaci nel supportare il transito intestinale e smaltire le tossine, processo utile per ridurre i livelli nel sangue di glucosio e colesterolo. Ma non solo: oltre alle già citate vitamine del gruppo A e C, gli asparagi sono fonte di importanti minerali quali il potassio e i folati, sostanze che vengono convertite a livello intestinale in vitamina B9 e acido folico, utili per il corretto funzionamento del sistema nervoso, ma anche per la crescita.

Oltre ad essere depurativi e diuretici – e, dunque, utili a ridurre la pressione arteriosa – rafforzano i capillari, aiutano in caso di diabete e prevengono malformazioni fetali. Ma non è finita qui: gli asparagi, soprattutto quelli selvatici, contengono buone quantità di triptofano, precursore della serotonina e sono, quindi, responsabili del buonumore. Infine, possono essere considerati dei veri e propri antinfiammatori naturali e protettori della pelle. Nello specifico, la presenza di sostanze quali rutina e quercetina, oltre che il glutatione, permettono, rispettivamente, una buona azione antinfiammatoria sull’organismo e la protezione della pelle, soprattutto dagli agenti atmosferici e dall’inquinamento. Tuttavia, gli asparagi non sempre sono apprezzati, soprattutto dai bambini, che non ne gradiscono il tipico sapore amarognolo. Per non rinunciare alle preziose proprietà dell’ortaggio esistono, però, ricette che possono renderlo appetibile per chiunque. Eccone due.

 

Risotto di asparagi

Pulire gli asparagi togliendo la parte più legnosa, sciacquarli e lessarli in acqua salata. Una volta cotti, scolarli conservando l’acqua di cottura a parte e tagliare le punte mettendo anche queste ultime da parte. Tagliare il resto dell’asparago a pezzettini e frullarlo. Tritare una cipolla bianca e rosolarla con olio d’oliva in una casseruola. Aggiungere 350 grammi di riso (per 4 persone), farlo tostare poi irrorarlo con un bicchiere di vino bianco.

Appena evaporato il vino, aggiungere man mano la crema frullata di asparagi e l’acqua messa da parte in precedenza. Qualche minuto prima di toglierli dal fuoco, aggiungere le punte e terminare la cottura. Infine, insaporire con una noce di burro e del parmigiano, far mantecare ed ecco pronto il risotto di asparagi. Se il gusto dovesse risultare troppo forte, soprattutto per i bambini, è possibile aggiungere della Philadelphia light per addolcire il sapore.

 

Asparagi al forno

Selezionare con cura asparagi che siano più o meno della stessa dimensione. Preparare a parte, mescolando per bene, un mix di pane sbriciolato (70 g), pangrattato (20 g), grana padano grattugiato (40 g), sale, pepe e, se di proprio gusto anche spezie come aglio in polvere, paprika o zenzero. Dopo aver lavato gli asparagi ed essersi accertati di aver eliminato le parti più dure e coriacee, pareggiare le punte cercando di renderli il più possibile uguali tra loro e sistemarli, dunque, in una ciotola.

Irrorarli di olio ungendoli per bene. A parte, versare in una ciotola della farina, in un’altra uovo sbattuto. Passare uno per volta gli asparagi prima nella farina, poi nell’uovo sbattuto e infine nel mix di pane sbriciolato preparato all’inizio. Disporre gli asparagi in una teglia con carta da forno e cuocere per circa 20 minuti a 200 gradi.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui