Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

Nel giorno della riapertura degli istituti scolastici italiani e in vista della ripresa delle lezioni, il Comitato tecnico scientifico ha espresso la sua indicazione in merito all’utilizzo delle mascherine nelle aule. Nessun obbligo di indossare il presidio di protezione per i bambini e i ragazzi della scuola primaria e secondaria, se viene rispettata la distanza di un metro tra i banchi e gli studenti sono fermi o seduti.

In particolare, la scelta deriverebbe dalla volontà di “favorire l’apprendimento e lo sviluppo relazionale” in special modo per i più piccoli e “in assenza di situazioni che prevedano la possibilità di aerosolizzazione”, come per esempio durante il canto. Una concessione che non vuol essere un via libera all’abbandono dei presidi, secondo quanto precisato dagli esperti, che sottolineano l’importanza di continuare a seguire tutte le misure di prevenzione basilari come la corretta igiene delle mani, il ricambio d’aria all’interno degli spazi comuni e la pulizia delle aule. Alle Asl territoriali spetterà il compito di monitorare il trend dei contagi e, in caso di aumento, di indicare l’eventuale obbligo di utilizzo della mascherina anche in aula.

Intanto, è intesa anche sulle linee guida per il trasporto degli studenti tramite scuolabus, per i quali si prevede un limite di capienza dei mezzi fissato all’80%, che può essere estesa al 100% per distanza al di sotto dei 15 minuti di percorrenza.  “A bordo dei mezzi pubblici del trasporto locale, dei mezzi del trasporto ferroviario regionale e degli scuolabus del trasporto scolastico dedicato – si legge, infatti, in una nota del ministero dei Trasporti – è consentito, in considerazione delle evidenze scientifiche sull’assunto dei tempi di permanenza medi dei passeggeri indicati dai dati disponibili, un coefficiente di riempimento non superiore all’80%, prevedendo una maggiore riduzione dei posti in piedi rispetto a quelli seduti”.

Sui mezzi si dovrà viaggiare con la mascherina e mantenendo una distanza interpersonale di un metro, mentre i tecnici del Ministero sono al lavoro per l’individuazione del materiale idoneo per l’installazione di separatori removibili tra i sedili dei mezzi.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui