Cabtutela.it
aqp.it
ferrovieappulolucane.it

Con sentenza in data 01.12.2020, il Giudice per l’Udienza Preliminare presso il Tribunale di Bari, a conclusione del rito abbreviato, ha inflitto pene rilevanti nei confronti di 8 dei 27 indagati nell’ambito dell’operazione “Friends”, coordinata dalla  Direzione Distrettuale Antimafia ed effettuata, tra il 2015 e il 2019 in territorio garganico, dalla Squadra Mobile della Polizia di Stato di Foggia, dallo S.C.I.C.O. Roma e dal G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari.

In particolare, sono stati condannati il capo del clan lucerino Bayan/Papa/Ricci, PAPA Alfredo cl. 1958, (14 anni di reclusione) e i sodali COCCIA Francesco Antonio, cl. 1958, (anni 6 e mesi 8 di reclusione), PETITO Urbano, cl. 1954, (anni 5 di reclusione), PIETROSANTO Antonio Valerio, cl. 1968, (anni 5 e mesi 4 di reclusione) e RICCI Francesco, cl. 1970 (anni 5 e mesi 4 di reclusione), responsabili per essersi associati tra loro costituendo un’organizzazione dedita all’acquisto, alla detenzione e alla cessione di sostanze stupefacenti di vario tipo, tra cui marijuana, hashish e cocaina.

È stato, altresì, condannato LOMBANI Libero, cl. 1987, (anni 7 e mesi 4 di reclusione), partecipe del clan Li Bergolis” e ritenuto responsabile per essersi associato alla predetta organizzazione armata dedita all’acquisto, alla detenzione e alla cessione di sostanze stupefacenti di vario tipo, tra cui hashish e cocaina. Inoltre, sono state inflitte pene anche a DE AMICIS Luigi, cl. 1960, (anni 2 e mesi 2 di reclusione ed euro 6.000,00 di multa) e a PISERCHIA Michele, cl. 1984, (anni 1 e mesi 8 di reclusione ed euro 1.670,00 di multa) ritenuti responsabili, rispettivamente, il primo di aver custodito per conto dell’organizzazione criminale lucerina 2 pacchi di hashish precedentemente acquistati da esponenti del clan “Li Bergolis” e il secondo di aver ceduto cocaina ad un sodale del predetto clan.

In più, il Tribunale ha disposto: l’interdizione perpetua dai pubblici uffici nei confronti di PAPA Alfredo, COCCIA Francesco Antonio, LOMBANI Libero, PETITO Urbano, PIETROSANTO Antonio Valerio e RICCI Francesco; la confisca dei beni sequestrati ai menzionati COCCIA e PIETROSANTO (immobili, quote societarie, autovetture e rapporti finanziari); la libertà vigilata a carico del citato PAPA Alfredo per la durata di anni tre, da espiare all’esito dell’esecuzione della pena.

I soggetti ora condannati erano stati attinti – unitamente ad altre 16 persone, tra cui figura anche Enzo MIUCCI (cl. 1983), detto “u criatur”, capo del clanLi Bergolis”, per cui continua il processo penale – da misura cautelare personale nel mese di novembre 2019, in quanto ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, ricettazione e detenzione illegale di armi.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui