Cabtutela.it
aqp.it
ferrovieappulolucane.it

I militari della stazione di Bitonto hanno tratto in arresto un 25enne bitontino per i reati di violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e danneggiamento. Nella nottata, la pattuglia della stazione, durante un servizio perlustrativo, nel transitare nella frazione di Palombaio di Bitonto, ha notato un’utilitaria circolare fuori dagli orari consentiti dal d.p.c.m.. I militari hanno deciso quindi di sottoporre a controllo il conducente del veicolo. Quest’ultimo, non appena notato l’arrivo dei militari, ha tentato a folle velocità si dileguarsi per evitare il controllo. I carabinieri, con lampeggianti e sirene spiegate, si sono lanciati all’inseguimento del veicolo percorrendo tutta la strada che collega la frazione di Palombaio con quella del comune di Palo del Colle.

L’inseguimento è durato per una decina di minuti a velocità sostenuta, nonostante l’asfalto viscido a causa della pioggia, fino a quando, giunti all’ingresso del comune di Palo del Colle, nei pressi di piazza Santa Croce, il fuggiasco ha imboccato una strada della storica piazza, che era chiusa con una catena. Nemmeno dinanzi all’ostacolo il giovane ha arrestato la marcia. Infatti, accelerando, è riuscito a spaccare la robusta catena trovando però, al di là della stessa, due autovetture parcheggiate che bloccavano il passaggio. Nel folle tentativo di fuggire, ha quindi inserito la retromarcia, proprio in direzione dei militari i quali sono riusciti ad evitare l’investimento, e poi nuovamente la prima, speronando le due macchine in sosta con l’intento di spostarle dalle loro posizioni, per crearsi un varco per la via fuga. Attimi di follia, a cui hanno posto fine i militari, che sono riusciti a rompere un finestrino anteriore dell’auto e ad entrare con mezzo busto all’interno dell’abitacolo, togliendo le chiavi dal cruscotto e bloccando il giovane.

Il 25enne, privo di patente di guida poiché mai conseguita, è stato portato in caserma, ove è stato dichiarato in arresto e sottoposto agli arresti domiciliari a disposizione dell’A.G. di Bari.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui