Cabtutela.it
acipocket.it

La didattica a distanza al 100% non piace a una parte delle famiglie pugliesi. Infatti, in mattinata si sono svolte delle proteste da parte dei genitori che invocano la riapertura delle scuole, e annunciano manifestazioni in pazza e ricorso al Tar per impugnare l’ordinanza di Michele Emiliano che vieta la didattica in presenza in tutte le scuole fino al 5 marzo.

Il comitato “Le Scuole che vogliamo” prevede due giorni di mobilitazione, con una manifestazione davanti alla sede della presidenza della Ragione mercoledì 24 febbraio e un presidio in piazza Libertà a Bari per martedì 23 febbraio. Intanto questa mattina nel capoluogo pugliese gruppi di genitori si sono dati appuntamento davanti al plesso Don Orione del quartiere Japigia e alla sede centrale della Mazzini Modugno nel quartiere Murat

 “Se pensiamo – scrive il comitato Le Scuole che vogliamo – di rimettere in dad tutti i bambini ed i ragazzi sino alla fine di questo anno scolastico probabilmente non abbiamo compreso l’emergenza educativa, sociale e soprattutto psicosanitaria che i minori stanno vivendo. È per questo che denunceremo la Regione Puglia per violazione dei diritti dei minori ai tribunali internazionali con l’augurio che nel frattempo il governo impugni l’ordinanza regionale emanata quest’oggi”.

Foto di repertorio


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui