Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

 La disperazione dei ristoratori non cenna a placarsi ed avanza tra percorsi che non trovano ancora soluzioni. “Gli enti preposti a dimostrare di aver compreso la drammaticità di una categoria in ginocchio da oltre un anno non danno segno di avere cognizione di ciò che sta accadendo nelle vite di questi imprenditori. Altrimenti – sbotta Beppe Schino, presidente del consorzio La Puglia è Servita –  avremmo sui nostri conti correnti le risorse economiche promesse da questo e dal precedente esecutivo indispensabili per non fallire’.

Molti pensano che i ripetuti ‘stop & go’ siano stati favorevoli. “Non è corretto – continua – perché abbiamo sostenuto costi per adeguare le nostre attività ai dispositivi di distanziamento e non solo, ordinati dai Dpcm che al pari di ciò che abbiamo guadagnato non ci siamo ripagati dell’investimento fatto. E non sono soltanto i costi di adeguamento a pesare sul groppone, ma si sommano altre incombenze: la tassa rifiuti che il Comune richiede per tutto l’anno ignorando i periodi (troppi) di chiusura, i costi di locazione che potrebbero essere trasformati in credito d’imposta per alleggerire il peso economico delle imprese.  Denunciamo ritardi non più sopportabili di Poste Italiane relativi all’evasione di richieste di rimborso per i c.d. Ristori Filiere Ristorazione. Durante un recente incontro con l’assessore regionale alle Politiche agricole, Donato Pentassuglia, abbiamo chiesto di istituire un bonus prodotti IGP Puglia che consiste in uno sconto immediato in fattura del 50% per l’acquisto di tali prodotti, riconoscendo ai produttori un credito d’imposta di pari entità al fine di far ripartire tutta la filiera”.

Inoltre, desta molta preoccupazione un fenomeno che – nell’ultimo periodo – si sta facendo strada nelle realtà imprenditoriali. Si tratta dell’interesse della malavita a fornire liquidità a scopo di usura (6,5% in più rispetto al periodo pre/Covid, fonte Osservatorio Antiusura San Nicola) oppure ad acquisire rilevanti quote societarie delle aziende in difficoltà. ‘Siamo molto angosciati per il futuro di un settore che marcia ahimè verso un epilogo doloroso e inaspettato. Il rischio grande è che un settore che dà lustro alla nostra terra e che ha contribuito significativamente al rilancio della principale industria pugliese, il turismo, venga snaturato e compromesso definitivamente’, conclude Schino.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui