Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Dimessi pochi giorni fa gli ultimi due dei 1.046 pazienti trattati in sei mesi e mezzo e chiusa l’Area Covid, da oggi il San Paolo di Bari ritorna Ospedale no-Covid. Sanificato da cima a fondo per permettere il totale ritorno all’ordinaria attività di assistenza sanitaria, dopo quasi 200 giorni dedicati alla cura dei pazienti Covid-19.

«Uno sforzo straordinario – spiega il Direttore Generale Antonio Sanguedolce – che ha impegnato completamente questo Ospedale, come quelli di Putignano e Altamura, dal punto di vista strutturale, logistico e umano: per questo bisogna ringraziare in modo particolare tutto il personale ospedaliero, che ci ha messo anima e corpo per affrontare l’emergenza, operando in condizioni estreme e senza mai risparmiarsi per lunghi e durissimi mesi».

Dal 15 novembre al 31 maggio nell’Ospedale San Paolo sono stati trattati 796 pazienti ad elevata complessità assistenziale, gestiti clinicamente in Medicina, Pneumologia e Rianimazione, a fronte del trasferimento di 250 pazienti a più basso grado di complessità clinica, gestiti e trattati clinicamente presso l’Obi Covid, verso altri centri Covid dopo una degenza media di 4-5 giorni. Fondamentale l’attività di filtro e trattamento del Pronto Soccorso che ha gestito 730 pazienti ad accesso diretto, più altri 66 provenienti da altri presidi ospedalieri.

Il ritorno all’attività no-Covid, almeno in questa fase, non riguarda l’area di Osservazione breve (OBI), mantenuta per accogliere eventuali casi positivi al Sars Cov-2. Resterà in supporto ancora per qualche tempo anche il Presidio Post Acuzie di Terlizzi, che assieme al San Paolo ha svolto un ruolo cruciale nella chiusura del ciclo assistenziale dei pazienti Covid sia con la Riabilitazione respiratoria (161 ricoveri tra 2020 e 2021) sia con la Lungodegenza (137 ricoveri).

L’Ospedale San Paolo ha dunque “riconquistato” i suoi spazi ed in pochi giorni tutto è ritornato come prima o quasi, grazie ad un secondo intervento di riconversione che ha coinvolto il personale sanitario e non sanitario e l’Area Tecnica della ASL. «Ha cambiato pelle più volte – rimarca il Direttore medico Angela Leaci –. Per riaprire abbiamo sanificato e ripulito ogni reparto ma anche ogni singola apparecchiatura e arredo. Abbiamo ripristinato i percorsi clinici, pulito, spostato e rimesso ogni cosa al suo posto, anche gli armadietti con i medicinali, recuperando anche la piena funzionalità degli ascensori, inibiti per evitare accessi non consentiti in Area Covid. Un lavoro enorme, svolto curando certosinamente ogni dettaglio, che ora restituisce l’Ospedale San Paolo non solo alle sue attività ordinarie ma soprattutto alla sua utenza».


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui