lapugliativaccina.regione.puglia.it
dona-il-sangue-regione-puglia-it
acquapertutti-aqp

“Dal punto di vista della qualità dell’offerta formativa, il doppio turno penalizza gli studenti baresi”. Non ha dubbi Roberto Calienno, segretario generale Cisl Scuola Puglia, in relazione all’annosa questione che è al centro del dibattito locale in ambito scolastico. Ad una settimana dalla prima campanella del nuovo anno in Puglia,  le scuole del Barese hanno dovuto  adottare il doppio turno in ingresso e uscita, secondo le linee guida della Prefettura, per favorire la mobilità dei ragazzi tramite trasporto pubblico e prevenire il rischio di assembramento sui mezzi troppo affollati.

Intervento che prevede un primo ingresso alle 8.30 e un successivo alle 9.40 ma che, di fatto, ha da subito scatenato le polemiche da parte degli stessi studenti, che la scorsa settimana sono scesi in piazza a Bari ma anche in alcuni altri comuni della provincia. A queste voci si aggiungono anche quelle dei sindacati, che sottolineano le difficoltà che gli ingressi scaglionati comportano non solo per ragazzi e famiglie, ma anche per i docenti. Questi ultimi, infatti, si ritrovano a svolgere orari lavorativi settimanali che superano di gran lunga quelli previsti dalle proprie cattedre e sono costretti a conciliare il prolungamento dell’orario scolastico con la propria presenza su più istituti anche nella stessa giornata, e che a volte sono ubicati addirittura in Comuni diversi della provincia

“Gli insegnanti sono costretti ad entrare in aula anche 30 volte a settimana – prosegue Roberto Calienno – mentre ai ragazzi tocca restare fuori casa a volte anche per intere giornate, se si pensa a quelli che, per raggiungere la scuola, devono prendere mezzi di trasporto e spostarsi da un Comune ad un altro. Si tratta di una mancanza di rispetto dei bisogni e delle necessità delle famiglie e degli alunni. Ma anche enorme fatica organizzativa per le scuole”.

Inoltre, secondo quanto raccontato dal referente sindacale, a fronte dei doppi turni di ingresso a scuola non corrisponde una coerenza con gli orari delle corse dei mezzi di trasporto pubblico, anche se rinforzate. A ciò consegue il disagio per molti studenti di arrivare a scuola anche con 40 o 50 minuti di anticipo rispetto al proprio ingresso e di dover restare in strada: “Le nostre scuole non dispongono di spazi aggiuntivi rispetto alle aule, capaci di accogliere i ragazzi in attesa – prosegue il segretario Generale Cisl Scuola Puglia – e per la maggior parte delle famiglie che utilizzano il mezzo privato è impensabile accompagnare il proprio figlio a scuola alle 9.40”.

I sindacati denunciano, inoltre, una sostanziale inattività del tavolo permanente convocato per l’avvio dell’anno scolastico, nell’ambito del quale gli assessori preposti al dialogo sul tema avrebbero più volte disertato o rimandato le riunioni. “E’ per questo che comprendiamo e sosteniamo le manifestazioni che, ancora una volta, oggi saranno messe in atto dagli studenti a Bari, a partire da piazza Umberto e, in corteo, fino a piazza Prefettura, dove i giovani chiederanno a gran voce un colloquio con il prefetto proprio affinché siano aboliti i doppi turni”, conclude Roberto Calienno.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui