Cabtutela.it
aqp.it
ferrovieappulolucane.it
Online sul sito istituzionale del Comune, a questo link, la graduatoria definitiva dei beneficiari del servizio offerto dal Centro ludico per la prima infanzia comunale “Melo da Bari”, nel Municipio I.
“Siamo soddisfatti di poter comunicare l’avvio per altri quattro anni della progettualità del centro ludico interculturale per la prima infanzia al quartiere Libertà – commenta l’assessore al Welfare Francesca Bottalico -. Un servizio attivato a livello sperimentale sei anni fa e diventato in pochi anni un presidio importantissimo di sostegno all’infanzia e alle famiglie, italiane e migranti, dell’intera città.  Un luogo dove si sperimentano modelli pedagogici innovativi, percorsi a sostegno della genitorialità e formazione continua dell’equipe impegnata, che negli anni ha riscontrato un crescente gradimento da parte delle famiglie, tanto che quest’anno sono raddoppiate le richieste di molti nuclei familiari che hanno richiesto per i propri bambini l’iscrizione al centro ludico in alternativa ai nidi comunali”.
La struttura accoglierà, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle 13, fino alla fine del mese di giugno, venticinque bambini di età compresa fra 3 e 36 mesi (due dei quali con disabilità), il cui nucleo familiare sia residente nel territorio del Comune d Bari e abbia un reddito ISEE non superiore a 20mila euro.
Come noto il centro ludico per la prima infanzia persegue i seguenti obiettivi:
• per i bambini: incontrare coetanei, sperimentare momenti di socializzazione, gioco e apprendimento, crescere in un contesto a misura dei loro bisogni, capacità e aspirazioni e della loro specifica situazione;
• per gli adulti di riferimento: conciliare i tempi di vita-lavoro delle famiglie e avere un punto di riferimento qualificato sul territorio al quale rivolgersi per il confronto e il sostegno genitoriale e per le diverse esigenze educative.
Il servizio propone una molteplicità di interventi e soluzioni alternative di sostegno alle famiglie, attivando un sistema di rete territoriale capace di promuovere collaborazioni fra cittadini, istituzioni pubbliche e private, enti del terzo settore e proseguendo, anche quest’anno, con il coinvolgimento nell’attività di donatori di tempo e professionalità che rendono possibile attività di consulenza e informazione sulla prevenzione e il benessere psicofisico, garantendo diverse attività ludiche, artistico-espressive e di socializzazione.
Il Centro ludico per la prima infanzia, quindi, intende promuovere e porre al centro del percorso educativo lo sviluppo armonico della personalità del bambino e consentire la sua crescita in un ambiente che sappia continuare e integrare l’attività della famiglia attraverso:
• modelli pedagogici innovativi con approfondimenti teorici e pratici di una “pedagogia delle emozioni” finalizzata all’educazione emotiva, capace di costruire e ricostruire rapporti sociali e dimensioni empatiche essenziali nella formazione di una personalità completa, forte e sicura;
• qualità delle proposte educative nella progettazione e realizzazione di esperienze capaci di sollecitare e stimolare lo sviluppo delle personalità, attitudini e competenze dei bambini/e;
• formazione e specializzazione dell’equipe di lavoro;
• supporto alla genitorialità nella programmazione del servizio in sostegno alla conciliazione dei tempi di vita e lavoro delle famiglie e all’empowerment delle competenze genitoriali attraverso l’attività dei Gruppi sezione e appuntamenti consulenziali e informativi della scuola per genitori.
Per questa nuova annualità, inoltre, è stato implementato il raccordo con la rete dei servizi del welfare cittadino, attraverso lo scambio di esperienze educative, ludiche e laboratoriali con i servizi per minori e famiglie, la realizzazione di attività di animazione come la lettura con la Biblioteca dei Ragazzi/e e il progetto Nati per Leggere, l’adesione alla rete #BariSocialBook, la condivisione di momenti formativi, informativi e di consulenza con la Casa delle bambine e dei bambini.
Nello specifico, le attività per bambini/e sono:
• laboratoriali a carattere ludico, educativo e di animazione
• ricreative
• psicomotorie
• espressive, manipolative e di prima conoscenza del mondo circostante e naturale
• servizi di cura e sorveglianza
• tempo riposo in spazi adeguatamente attrezzati.
Si ricorda che la frequenza del centro è a titolo gratuito.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui