aqp.it
ferrovieappulolucane.it
amgasbarisrl.it

La mostra itinerante La Fontana racconta, organizzata in collaborazione col Comune di Bari e col patrocinio della Regione Puglia, dedicata alla storica colonnina in ghisa dell’Acquedotto Pugliese, è stata inaugurata oggi al Museo Civico di Bari. A tagliare il nastro, il presidente di AQP, Domenico Laforgia, e l’assessora all’Istruzione del Comune di Bari, Paola Romano.

La rassegna, che riprende una precedente iniziativa finalizzata a sottolineare l’importanza della fontanina da oltre un secolo per i tutti centri della regione, appare completamente rivisitata sotto il profilo documentario e ripensata nel segno della sostenibilità, a cominciare dai materiali utilizzati per l’allestimento – curato da Post Factory di Vittorio Palumbo – perfettamente riciclabili.

“Attraverso la storia di uno dei suoi simboli più caratteristici – la fontanina – la mostra vuole ribadire la centralità del ruolo svolto da Acquedotto Pugliese nella gestione di un bene così prezioso come l’acqua pubblica per i cittadini e il territorio servito. Sottolineando, al contempo, l’impegno per uno sviluppo sostenibile: un risultato da cogliere grazie alle strategie aziendali rivolte al risanamento della rete, al risparmio della risorsa e al suo riutilizzo in l’agricoltura e all’ulteriore potenziamento della struttura, nel pieno rispetto dell’ambiente e delle reali esigenze dei cittadini”, afferma il presidente di AQP”, Domenico Laforgia.

 “Siamo orgogliosi di riavere nella nostra città la mostra “La fontana Racconta” perchè è importantissimo non dare per scontato e raccontare, specie ai più piccoli, la storia dell’Acquedotto Pugliese, un’infrastruttura che a più di 100 anni dalla sua realizzazione garantisce tutt’oggi un bene pubblico per eccellenza: l’acqua pubblica per tutti noi. L’Acquedotto Pugliese è un’opera eccezionale e tutt’oggi rappresenta la rete più grande d’Europa. La sua realizzazione ha cambiato per sempre il volto della Puglia. Grazie al lavoro e all’ingegno di migliaia di persone, si è data una risposta ad una grande tragedia, l’epidemia di colera portando l’acqua nelle piazze e nelle abitazioni delle nostre città, da sempre aride”, osserva l’assessora all’Istruzione del Comune di Bari, Paola Romano.

La Fontana racconta si compone di 100 scatti, in parte provenienti dall’archivio dell’Acquedotto Pugliese e in parte realizzati dai numerosi fans della storica colonnina in ghisa. Si potranno ammirare, inoltre, diversi manufatti risalenti al secolo scorso e destinati all’approvvigionamento, al trasporto, al consumo e alla conservazione dell’acqua prima dell’avvento dell’Acquedotto Pugliese: anfore, vasi, recipienti e alcuni oggetti destinati all’igiene personale, provenienti da collezioni private. Diversi pannelli descrittivi aiuteranno a comprendere l’importanza della fontanina pubblica nei centri pugliesi.

 La mostra è un progetto di conservazione della memoria; la celebrazione dell’epopea di un popolo legata alla conquista dell’acqua. L’obiettivo è ribadire la centralità dell’acqua pubblica, promuoverne il valore, quale bene comune, e diffondere la conoscenza dell’Acquedotto che di quel bene è l’attento gestore.

La mostra resterà aperta al pubblico fino a domenica 31 ottobre, con orari dal martedì al sabato 9.30 /13.30 – 16.30/19.30 e la domenica 9.30/13.30. Lunedì chiuso per riposo settimanale.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui