lapugliativaccina.regione.puglia.it

È stata operata dall’equipe di Ortopedia del Policlinico di Bari per una lesione meniscale la giocatrice della nazionale moldava di calcio Cristina Cerescu. L’atleta, 26 anni, di nazionalità moldava,  centrale difensivo della Pink Bari, si era infortunata, procurandosi una lesione da impatto del ginocchio, un mese e mezzo fa durante una partita della squadra nazionale. La giovane è stata assistita dallo staff medico dell’unità operativa di Ortopedia e traumatologia del Policlinico di Bari, guidata dal professor Biagio Moretti, responsabile sanitario della squadra. In un primo momento le è stata somministrata una terapia per ridurre l’infiammazione dell’osso e dei tendini; successivamente è stata sottoposta intervento chirurgico per la sutura della lesione meniscale e per la pulizia e rigenerazione della cartilagine del femore e della rotula.

A eseguire l’operazione chirurgica è stato il dottor Lorenzo Moretti che si occuperà anche di seguire il percorso riabilitativo della giocatrice.  “La giovane seguirà la fisioterapia sia con lo staff della squadra, sia in clinica ortopedica nel nostro ambulatorio specializzato per le prove biomeccaniche. Ci vorranno due mesi per il recupero completo” spiega il dottor Lorenzo Moretti.

“Le prove biomeccaniche e l’analisi del movimento eseguito nel nostro ambulatorio ci consentono di quantificare in maniera oggettiva il recupero muscolare e dei movimenti negli atleti prima e dopo l’infortunio, ma anche nelle protesi e nelle altre patologie-  spiega il professor Moretti- è uno dei pochi ambulatori di biomeccanica di tutto il Sud Italia ”.

Cerescu potrà tornare in campo già a gennaio con la Pink Bari, attualmente al primo posto del campionato italiano femminile di calcio di serie B. La squadra di calcio femminile ha stipulato una convenzione con l’unità di Ortopedia del Policlinico di Bari.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui