lapugliativaccina.regione.puglia.it
dona-il-sangue-regione-puglia-it
acquapertutti-aqp

I carabinieri, nel corso dei sempre più frequenti servizi di prevenzione e repressione dei traffici illeciti di sostanze stupefacenti, organizzati nell’ambito delle città metropolitana di Bari, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, un 69enne, barese, trovato in possesso di complessi 8 kg di hashish.

I militari che, da qualche giorno, avevano notato movimenti sospetti in una precisa area della cittadina, hanno predisposto delle mirate attività di osservazione. Lo scorso pomeriggio, durante tali servizi, i Carabinieri hanno notato la presenza di un soggetto a bordo di un motociclo che, con fare circospetto e guardingo, si dirigeva verso una palazzina di nuova costruzione. Pedinato dal dispositivo e identificato il conduttore attraverso la targa del mezzo con cui si stava muovendo, si accertava che lo stesso non aveva alcun legame né con il condominio né tantomeno con le persone lì residenti. A quel punto, i militari hanno proceduto al controllo dell’uomo e del motociclo, ottenendo sin dalle prime battute un riscontro al sospetto. Nel vano portaoggetti del mezzo, infatti, vi erano occultati, in una busta, svariati “panetti” di sostanza stupefacente del tipo hashish, per un peso complessivo di 2 chili circa.

Si procedeva, quindi, a verificare, con le chiavi che il 69enne aveva addosso, un locale seminterrato dove vi erano ubicati dei box condominiali. L’ulteriore accertamento forniva ai Carabinieri la conferma al fatto che l’uomo detenesse in quel luogo un cospicuo quantitativo di droga. Nel box, infatti, venivano rinvenuti altri 6 chili di hashish e svariati “provini” di marjiuana, tutta droga contenuta in un bustone rigido del tipo da supermercato. Avendo acquisito innumerevoli fonti di prova sull’attività illecita posta in essere dal 69enne, i militari hanno proceduto al suo arresto e, su disposizione del Pubblico Ministero, lo hanno associato al carcere di Trani. Il GIP, convalidato l’arresto, ha disposto a carico di R.V. la misura cautelare in carcere presso la stessa struttura carceraria.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui