lapugliativaccina.regione.puglia.it

Dopo il successo ottenuto nella prima stagione la fiction ambientata a Bari “Le indagini di Lolita Lobosco” si prepara alla seconda serie. OzFilm, Produzioni Cinematografiche, è infatti alla ricerca di ruoli e figurazioni speciali con residenza in Puglia.

L’avviso è stato pubblicato sui social negli scorsi giorni tramite un post in cui è stato specificato anche che le riprese si svolgeranno a partire dal prossimo mese. Le zone coinvolte saranno sicuramente la Puglia, ma anche Roma. In particolare, si cercano attori e attrici che abbiamo tra i 18 e i 70 anni. Per i ruoli, in particolare, OzFilm è alla ricerca di: ragazza 16/25 anni, di origini africane, asiatiche, sudamericane, indiane e/o arabe, bellezza naturale;  Ragazzo 16/25 anni, bellissimo, con esperienza in campo musicale (ma non è causa di esclusione); Uomo 35/45 anni proveniente dall’Est Europa.

Inoltre, OzFilm è alla ricerca di figurazioni speciali. Tra queste: donne 25/40 anni con capelli scuri, altezza 170 cm circa, taglia 40-42, esperte runner o sub; uomini, 18-30 anni, origini africane, altezza superiore a 180 cm,  con esperienza in campo musicale (anche in questo caso non è causa di esclusione).

È possibile inviare la propria candidatura alla mail casting@ozfilm.it scrivendo nell’oggetto LOLITA 2. La mail deve contenere SOLO due foto, primo piano e figura intera, no occhiali da sole o foto di gruppo, scattate al momento dell’invio. Per i ruoli è obbligatorio inviare un piccolo video di presentazione fatto anche con lo smartphone (in allegato alla mail o con link scaricabile), curriculum artistico ed eventuali contatti agenzia. Sono inoltre obbligatori, per tutte le candidature, recapiti telefonici, e informazioni precise su altezza, età e residenza.

La ricerca per comparse e minori, specificano dalla OzFilm, sarà avviata nelle prossime settimane.

Foto Facebook Simonetta Dellomonaco


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui