lapugliativaccina.regione.puglia.it
aqp-sa-di-futuro

“Questo è l’ultimo contenitore culturale che stiamo restituendo alla città. La parte bassa viene consegnata oggi e diventerà un mercato a chilometro 0 dove si potranno gustare le eccellenze enogastronomiche della nostra regione. La parte superiore sarà completata entro l’estate prossima  diventerà parte del polo delle arti contemporanee insieme al Margherita e alla sala Murat”. Così il sindaco Antonio Decaro partecipando all’incontro di presentazione della conclusione dei lavori di restyling dell’ex mercato del Pesce in piazza del Ferrarese.  “Tra qualche giorno con la Regione  qui sarà organizzato un evento a valenza nazionale – conclude Decaro – e  poi faremo una gara per la gestione di questa parte del mercato”.

“Guardate la bellezza dell’ex Mercato del Pesce, della sua terrazza e del suo interno: la Regione Puglia ha contribuito a restaurarlo finanziando l’opera con 5 milioni di euro nell’ambito dell’accordo di programma con il Ministero dei beni culturali – ha detto il governatore Michele Emiliano – Questa location ospiterà il meeting center del “Prix Italia 2022”, un grande evento Rai sostenuto dalla Regione. Dal prossimo 3 ottobre portiamo in Puglia il concorso Rai fondato nel 1948 che premia i migliori programmi Radio, Tv e Web nel mondo.Un appuntamento di grande rilievo e qualità, una occasione prestigiosa di promozione della Puglia, organizzata in collaborazione con Puglia Promozione, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica”.

I lavori. I lavori di restauro, per i quali il Ministero della Cultura ha stanziato 5 milioni di euro, sono stati possibili grazie ad un finanziamento riveniente da un Accordo di Programma Quadro Rafforzato “Beni e attività culturali”, Delibera CIPE 92/2012. Det. n. 67 dell’11.5.2015 della Regione Puglia.

Al piano terra dell’ex Mercato del pesce sorge, quindi, un mercato, una sorta di piazza coperta che manterrà una connessione molto stretta con la piazza esterna, per cui gli spazi interni del mercato sono stati organizzati affinché abbiano degli affacci dei negozi diretti sulla piazza. L’asse centrale dell’edificio, che mette in relazione l’ex Mercato del pesce con il teatro Margherita e lo Spazio Murat, rimarrà sempre aperto, anche nelle ore notturne, protetto dalle cancellate. Utilizzando i due corpi scala da realizzare, si accederà ai piani superiori: nel mezzanino sorgeranno gli uffici del Polo – che gestiranno le attività dei tre edifici – e una caffetteria con affaccio diretto sul mercato. Nel piano superiore è prevista invece la galleria,  con ambienti laterali – che si affacciano sul perimetro dell’edificio – pensati come atelier d’artista ma che potranno comunque essere utilizzati in chiave estremamente flessibile.

L’altro punto forte dell’edificio è rappresentato dalla terrazza, da cui si gode una vista straordinaria, anche perché essendo l’unico edificio in asse con corso Cavour, garantirà una visuale inedita della città.

Il progetto illuminotecnico Il progetto ha tenuto conto, inoltre, della diversa esposizione dei quattro prospetti e degli scenari di illuminazione pubblica che incidono sulla resa delle scelte illuminotecniche, per cui è stato approntato un dispositivo digitale di calibrazione della luce sui quattro fronti con l’intento di contrastare le distorsioni della luce presente nell’area. Nella parte bassa quindi sono state disposte solo delle piccole lanterne a braccio, in corrispondenza delle specchiature della zoccolatura, dal momento che i fornici che immettono nell’area mercatale rinnovata permetteranno l’illuminazione indiretta della parte bassa dell’edificio.

L’interno prevede ulteriori scenari illuminotecnici, con l’obiettivo di sottolineare la scansione architettonica dei pilastri e di valorizzare le quindici campate voltate. La diversa accensione degli scenari interni, a seconda dell’uso dell’area mercatale durante la giornata, contribuirà alla valorizzazione della banchina rinvenuta durante lo scavo archeologico.

L’intervento realizzato sulle facciate esterne che ha previsto innanzitutto la valutazione del colore più adatto per il paramento murario, dal momento che il colore preesistente era il frutto di un rifacimento recente con intonaco cementizio. L’accento finale della composizione è stato posto sui capitelli in pietra, la cui illuminazione mette in risalto per via indiretta, attraverso una sequenza di chiaro-scuro, anche il cornicione.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui