GIOVEDì, 25 LUGLIO 2024
74,790 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
74,790 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Mafia, Giovanni Chinnici a Vieste: racconterà la storia di suo padre

Il giudice Rocco Chinnici fu ucciso sotto casa, in Sicilia

Pubblicato da: redazione | Sab, 13 Maggio 2023 - 11:58
- PUBBLICITÀ LEGALE -
aqp.it"

Il 29 luglio di quarant’anni fa cambiò la vita di Giovanni Chinnici. Suo padre, il giudice Rocco Chinnici fu ucciso sotto casa, in Sicilia. Per la prima volta la mafia utilizzò un’autobomba, come farà in seguito con altri due magistrati suoi allievi: Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.  Tutti e tre uniti dal tragico destino di aver pagato con la vita la missione di combattere la mafia. Giovanni, allora 19enne, si troverà all’improvviso a dover vivere senza quel padre amato, forte e rispettato. Un filo della propria esistenza che corre parallelo a quello di un’Italia ferita da un male profondo e incontrollabile. Lo racconta il memoir Trecento giorni di sole (Mondadori), che lunedì 15 maggio alle ore 16.30 sarà presentato al Cineteatro Adriatico di Vieste. Giovanni Chinnici sarà ospite del Libro Possibile Winter, la rassegna curata da Rosella Santoro e che porta i temi della storia e dell’attualità all’attenzione dei più giovani, con l’obiettivo di formare i cittadini del domani al pensiero critico, imparando dagli esempi del passato.

L’incontro sarà presentato da Giancarlo Fiume, caporedattore della Tgr Rai Puglia, con i saluti introduttivi della direttrice artistica del Libro Possibile Winter, Rosella Santoro, e dell’assessore alla Cultura del Comune di Vieste, Graziamaria Starace. Trecento giorni di sole è il racconto di un figlio che non ha avuto il tempo di parlare da uomo a uomo con il padre, è il racconto di un magistrato che ha lottato per squarciare il velo sul fenomeno mafioso, di cui pochi – allora – erano disposti a riconoscere l’esistenza; è il racconto di un uomo che, a costo della vita, ha lottato per rendere l’Italia un Paese migliore. Sullo sfondo, una Palermo dapprima felice, poi tormentata dalla Seconda guerra di mafia e addolorata per le morti dei ragazzi uccisi dall’eroina, attraversata da una profonda trasformazione urbanistica e sociale, ma sempre sovrastata da un cielo azzurrissimo e da una luce accecante.

Appuntamento quindi a lunedì 15 maggio alle ore 16.30 al Cineteatro Adriatico di Vieste (viale Marinai d’Italia). L’ingresso è gratuito. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito del Libro Possibile (www.libropossibile.com) e al numero 391 422 2646.  Giovanni Chinnici (1964) è sposato con Lavinia e ha un figlio, Rocco. Avvocato, dopo avere diretto l’ufficio legale di una banca nazionale, nel 2012 ha fondato il proprio studio legale. Si occupa prevalentemente di diritto bancario, commerciale e della crisi dell’impresa. È specializzato nella tutela dei terzi nelle misure di prevenzione, è amministratore di aziende confiscate alla mafia e coadiutore dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Operaio Arif morto nel Brindisino, tre...

 Sono tre gli indagati nell'inchiesta della procura di Brindisi per la...
- 25 Luglio 2024

Minorenni affiliati alla Scu, due fermi...

Un 18enne ed un 17enne sono stati arrestati e trasferiti nell'istituto...
- 25 Luglio 2024

Bari, in tanti per l’ultimo saluto...

Si sono tenuti questa mattina, nella chiesa di san Marco, a...
- 25 Luglio 2024

Caldo e siccità in Puglia, Confagricoltura...

Emergenza caldo e siccità, Confagricoltura Puglia chiede alla Regione Puglia di...
- 25 Luglio 2024