BARI – “Scarsi risultati sulla raccolta differenziata;  costi record per l’Amiu pari a 66 milioni di euro; carenze nel sistema di raccolta rifiuti; un’ordinanza che obbliga i commercianti a sistemare i posacenere all’esterno e l’inchiesta in corso riguardo l’assunzione del boss Diomede e che vede indagato il presidente dell’Amiu Gianfranco Grandaliano”. Con queste motivazioni i consiglieri comunali dell’opposizione, Filippo Melchiorre (FdI), Fabio Romito (Gruppo misto), Giuseppe Carrieri e Domenico Di Paola (Impegno civile), Irma Melini (Gruppo misto), Pasquale Finocchio (Gruppo misto), Francesco Colella e Sabino Mangano (Cinque stelle) hanno presentato una mozione urgente affinché il consiglio comunale impegni il sindaco a “sollecitare le dimissioni dell’attuale presidente del cda di Amiu Puglia o in caso di esito negativo di adottare immediatamente apposita deliberazione di autorizzazione alla revoca dell’incarico fiduciario al presidente”. “Abbiamo atteso venti giorni – spiega Filippo Melchiorre – prima di rivolgere al sindaco e al presidente dell’Amiu la mozione, proprio perché c’è un’indagine in corso. Ora attendiamo risposte urgenti”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here