BARI – La Procura di Bari ha avviato un’inchiesta sulla gestione dei rifiuti in Puglia. L’indagine, al momento senza indagati né ipotesi di reato, è stata avviata all’indomani della denuncia trasmessa alla magistratura barese e alla Corte di Conti dal presidente dell’Autorità nazionale Anticorruzione (Anac), Raffaele Cantone. La relazione di Cantone fa riferimento alla gestione degli ambiti di raccolta ottimali per i rifiuti (Aro) e, in particolare, denuncia “il prolungato ricorso dei sindaci alle ordinanze contigibili ed urgenti di proroga degli affidamenti, invece di far funzionare gli Aro e di indire pubbliche gare nel rispetto della legge”. È proprio sulle presunte proroghe illegittime che si concentrerà l’attività investigativa per ora nelle mani del procuratore aggiunto, coordinatore del pool che si occupa di reati contro la pubblica amministrazione, Lino Giorgio Bruno. Gli accertamenti sono stati affidati alla guardia di finanza.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here