Cabtutela.it
revolution-academy.it

Sono 36 i nuovi appartamenti che sorgeranno entro dicembre in via Caldarola nel quartiere Japigia di Bari, per regalare la sicurezza di una casa ai cittadini.\r\n\r\nLa costruzione di questi alloggi rientra nell’Erp, il piano straordinario di edilizia residenziale pubblica del Comune. Entro gennaio del prossimo anno saranno forniti ai cittadini un totale di 226 nuovi appartamenti, di cui 36 nel quartiere Stanic, in via Glomerelli, con consegna a giugno 2016, 42 a Carbonara con consegna a giugno 2016 e 112 a Sant’Anna con consegna a gennaio 2017. I lavori a Japigia fanno parte di un progetto di riqualificazione delle periferie della città, chiamato Pirp.\r\n\r\nEntro il 2017 inizieranno anche i lavori per la costruzione di altri 437 alloggi, dislocati nei quartieri di San Girolamo, Japigia, Sant’Anna, San Pio e San Marcello. 28 appartamenti saranno destinati esclusivamente ai portatori di handicap\r\n\r\nQuesta mattina hanno visitato il cantiere degli alloggi di Japigia il sindaco Antonio Decaro, il vicesindaco e assessore al Patrimonio ed Erp Vincenzo Brandi, il vicepresidente del consorzio titolare dei lavori Pirp Japigia SCARL Domenico De Bartolomeo e il direttore della ripartizione Patrimonio Maurizio Montalto.\r\n\r\n”Stiamo cercando di dare delle risposte vere ai bisogni primari dei cittadini” ha dichiarato il sindaco Decaro. “Questo cantiere – prosegue – chiuderà a dicembre, e in questo modo entro l’inizio del nuovo anno consegneremo 36 alloggi ad altrettanti nuclei familiari iscritti nella graduatoria comunale. Presto partiremo anche con gli alloggi a prezzo calmierato previsti dal piano di housing sociale”.\r\n\r\nNel frattempo prosegue la lotta del Comune contro l’abusivismo nelle abitazioni cittadine. “Tra le iniziative che stiamo portando avanti – racconta il vicesindaco Brandi – abbiamo condotto anche un grande lavoro di contrasto all’abusivismo nei confronti di chi ha occupato illegalmente appartamenti spettanti ad altre famiglie. E le verifiche hanno dato dei buoni risultati se si pensa che, a partire da settembre del 2014, abbiamo assegnato 112 alloggi: 89 sono stati consegnati alle famiglie utilmente collocate in graduatoria, mentre i restanti 23 sono stati assegnati in regime di emergenza abitativa. Dei 112 complessivamente assegnati, 45 sono gli appartamenti liberati a seguito dei controlli sui requisiti degli occupanti, e poi riassegnati agli aventi diritto”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui