Cabtutela.it
acipocket.it

Uno corridoio di gomma lungo 190 metri ha trasformato piazzale Lorusso, nella zona dell’ex hotel Ambasciatori, in un parco divertimenti acquatico cittadino.\r\n\r\nDalle 16 di questo pomeriggio, infatti, ragazzi e ragazze si sono presentati in costume da bagno per poter scivolare con i loro materassini sulla piattaforma di gomma di Slide in The city. Un modo alternativo per combattere la cappa d’afa che ha colpito in questi giorni la città e per trascorrere qualche ora di divertimento con i propri amici.\r\n\r\n”Tantissimi bambini – racconta Vincenzo Cervone dello staff di Slide in the City – sono venuti a provare questa esperienza, addirittura più di quelli che ci aspettavamo, visto che l’apertura coincideva con la partita dell’Italia negli Europei”.\r\n\r\nBari è la prima tappa del tour di Slide in the city, il parco acquatico mobile creato dall’azienda di Monopoli Intuazione, e resterà qui fino alle 23.00 di domenica 19 giugno, per poi trasferirsi in altre città italiane nei prossimi mesi. L’idea arriva in Italia dopo aver viaggiato in tutto il mondo: il parco acquatico mobile era stato già installato negli scorsi mesi a Hong Kong, New York e Vancouver.\r\n\r\nIl costo? 5 euro per un giro e 10 euro per 3 giri, con una ciambella o un materassino in omaggio per ogni visitatore. Tra i ragazzi che hanno preso d’assalto la piazza in questa prima giornata non sono mancati gli adulti, che hanno voluto provare anche loro per un giorno l’emozione di scivolare sulla gomma bagnata.\r\n\r\n”Non sono mancati anche visitatori adulti” spiega Vincenzo. “La maggior parte di loro erano genitori che accompagnavano i figli sulla piattaforma, ma ho visto anche gruppi di amici che venivano da soli per curiosità. In molti – conclude – ci hanno fatto i complimenti per l’idea”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui