Cabtutela.it
acipocket.it

“Il terrorista che ha seminato morte e terrore sulla Promenade di Nizza era in contatto con una rete di estremisti in Italia che aveva la sua centrale a Bari. Non è la prima volta che la Puglia si trova al centro di trame che riguardano il terrorismo islamico e non bastano certo le visite del ministro Alfano per contrastare questa pericolosa situazione”: il deputato di Conservatori e riformisti Roberto Marti, con una nota, chiede un impegno concreto del governo per evitare che la regione divenga covo o terra di passaggio e incubazione per combattenti islamisti.\r\n\r\n”Ci sono indagini recenti della Dda di Bari sul terrorismo internazionale di matrice islamica che destano grande preoccupazione. Negli ultimi mesi – aggiunge – la procura ha aperto diversi fascicoli d’inchiesta proprio sui passaggi sospetti dal porto di Bari e sul ruolo del capoluogo pugliese come base logistica per supporto a foreign fighters”.\r\n\r\n”La minaccia terroristica è reale e vicina, anche in Italia. Uomini delle forze dell’ordine e magistrati stanno combattendo una dura lotta contro il terrorismo islamico, non possiamo permettere che terroristi e loro fiancheggiatori girino indisturbati per le nostre città’ mentre pianificano attentati. Servono – conclude – misure speciali anti terrorismo, bisogna chiudere definitivamente la stagione dell’accoglienza indiscriminata per tutti i migranti”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui