Il molo di San Nicola cambia volto. L’area del mercato del pesce subirà un restyling, così ha deciso la giunta Decaro su proposta degli assessori allo Sviluppo economico e ai Lavori pubblici, Carla Palone e Giuseppe Galasso.

\r\n

E’ stato dato mandato alla ripartizione Lavori pubblici di provvedere alla rimozione degli attuali banconi in muratura e alla loro sostituzione con dei banchi in acciaio inox, “più igienici e idonei all’uso, oltre che meno impattanti sotto l’aspetto paesaggistico”, spiegano dal Comune.

\r\n

L’installazione verrà eseguita progressivamente con il posizionamento di un numero di banchi pari alla metà di quelli attuali e con l’eventuale, successiva installazione di ulteriori banchi in funzione delle reali esigenze e delle richieste di concessione da parte dei pescatori.

\r\n

La giunta ha anche deciso di potenziare l’impianto di illuminazione esistente e il sistema per la raccolta e lo smaltimento delle acque di lavaggio dei piani di lavoro dei prodotti ittici, così da renderli più funzionali rispetto a quelli attuali.

\r\n

 “Si tratta di piccoli interventi di manutenzione straordinaria con i quali intendiamo modificare la tipologia degli attuali banchi di vendita del pesce – ha commentato Giuseppe Galasso – replicando il modello in acciaio inox installato sul porto di Santo Spirito che da anni viene utilizzato dagli operatori del settore. Queste piccole modifiche consentiranno soprattutto di migliorare nel breve periodo la funzionalità dell’area mercatale del molo in attesa dell’attuazione del progetto di riqualificazione dell’intera area, già presentato alla città lo scorso aprile”.

\r\n

“Abbiamo dato seguito alle richieste della presidente Paparella, di alcuni consiglieri del Municipio I e, in particolare, delle cooperative dei pescatori, che di fatto non hanno mai utilizzato gli attuali banconi in quanto giudicati scomodi e poco pratici”, ha sottolineato Carla Palone.

\r\n 

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here