Cabtutela.it
acipocket.it

Negli ultimi tre mesi, in pieno tempo di prenotazioni online e viaggi, un nuovo tentativo di phishing a mezzo email si sta sempre più diffondendo nel nostro paese.

\r\n

Migliaia di utenti stanno ricevendo un’email all’apparenza proveniente dalla compagnia di bandiera, ma in realtà assolutamente artefatta da un gruppo di truffatori online. L’email corrispondente nei contenuti alla classica newsletter Alitalia, in realtà fa riferimento ad un sondaggio online al cui termine, all’ignaro utente, vengono richiesti numerosi dati personali nonché il numero della carta di credito per ricevere 80 euro in “regalo”.

\r\n

Il completamento di tale sondaggio, consentirà quindi ai truffatori di disporre di tutti i dati necessari per utilizzare la carta di credito dell’utente a proprio piacimento.

\r\n

E’ bene quindi ricordarsi di prestare la massima attenzione prima di cliccare su link contenuti all’interno delle email ricevute anche se apparentemente provenienti da società di fama mondiale, ma se proprio la “curiosità” dovesse farla da padrona, è meglio seguire questi semplici step.

\r\n\r\n

    \r\n

  1. Controllare la presenza di eventuali errori di battitura nei testi dell’email;
  2. \r\n

  3. Posizionare il puntatore del mouse sul link a cui fa riferimento il testo del messaggio, solitamente: Per accedere al modulo: Clicca qui e completare il sondaggio
  4. \r\n

  5. Leggere attentamente l’indirizzo internet a cui fa riferimento il link. Uno degli indirizzi a cui fa riferimento questa truffa, ad esempio: materialesacusticos**/modules/contado/v.*** (N.B. per evitarne la diffusione abbiamo sostituito le estensioni con gli *)
  6. \r\n

  7. In presenza di indirizzi internet diversi rispetto al mittente, cestinare l’email
  8. \r\n

\r\n

E’ utile ricordare che spesso i link non puntano a pagine web –come in questo caso- ma anche a file di vario genere che al loro interno possono contenere il famigerato virus CRYPTLOCKER, il ransomware che cripta irrimediabilmente tutti i file (pdf, word, excel, jpg, zip… etc.) presenti nel computer del malcapitato in cambio del pagamento di un “riscatto”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui