Cabtutela.it
acipocket.it

Catino, Villaggio del Lavoratore, Nuova San Paolo e Japigia, ma solo una parte. Questi sono gli unici quartieri che hanno raggiunto nel 2015 il 50 per cento di differenziata e che hanno ottenuto quindi il 25 per cento di riduzione sulla tassa.  Il caso emblematico è quello di Japigia: per la prima volta l’agevolazione non è stata concessa a tutto il quartiere, ma solo ad una parte. Quella che, secondo i dati dell’Amiu, ha realmente raggiunto la quota prefissata. Circostanza che ha fatto scatenare la rivolta dei residenti.\r\n\r\nIl caso Japigia\r\n\r\nI residenti della parte del quartiere che è stata esclusa dall’agevolazione del 25 per cento sono su tutte le furie. E molti si sono rivolti al Comune in cerca di spiegazioni. “Io – racconta una signora – non ho trovato lo sconto del 25 per cento che solitamente viene concesso al quartiere da ormai tre anni per l’impegno sulla differenziata. In prima persona ogni giorno differenzio i rifiuti e poi cosa scopro? Che la mia via è stata esclusa”.\r\n\r\nLa decisione di non concedere l’agevolazione a tutto il quartiere è stata presa dal Comune in base ai dati (strada per strada) che sono stati forniti dall’Amiu e dai quali risultavano le percentuali raggiunte in ciascuna zona.\r\n\r\nUfficio tributi preso d’assalto\r\n\r\nA centinaia in questi giorni si stanno rivolgendo all’ufficio tributi di corso Vittorio Emanuele per modificare parametri o chiedere correzioni ai bollettini che sono arrivati nelle case dei baresi. L’aumento della tassa sui rifiuti ha portato a numerose proteste da parte dei cittadini, che hanno anche “invaso” la bacheca Facebook del sindaco Antonio Decaro. “La tassa è aumentata – spiegano – ma i servizi dell’Amiu rimangono sempre uguali: inefficienti”.\r\n\r\n

ufficio tributi
Code nell’ufficio tributi di corso Vittorio Emanuele
\r\n\r\nPorta a porta\r\n\r\nIntanto entro pochi giorni l’Amiu bandirà la gara per l’acquisto delle attrezzature necessarie per avviare il porta a porta (entro i primi mesi del 2017) nei rioni Palese, Santo Spirito, San Girolamo, Marconi e Fesca, per un totale di 50mila persone con 18.529 famiglie e 1.417 attività commerciali, e un costo complessivo di un milione e 291mila euro. La giunta ha dato il via libera all’azienda di igiene urbana e l’Amiu sta predisponendo la gara per comprare circa 100mila bidoncini, di colore diverso a seconda del rifiuto da differenziare, 3 milioni di buste per l’organico, un milione per plastica e alluminio.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui