Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

La Corte d’appello di Bari ha condannato due ex agenti di polizia baresi Pasquale Pipino e Alfonso Gibilaro rispettivamente a sette e sei anni di reclusione per rapina aggravata. I fatti contestati risalgono alla notte tra il 16 e il 17 gennaio 2005, quando i due poliziotti erano in servizio alla sezione volanti della questura di Bari. Si tratta del processo bis per la vicenda: gli agenti erano stati condannati in primo grado e assolti in appello e la Cassazione aveva annullato con rinvio la sentenza.\r\n\r\nI due agenti sono accusati di aver compiuto una rapina, poi sfociata in un pestaggio mentre stavano compiendo controlli nella zona di San Giorgio, abitualmente frequentata da prostitute. All’arrivo dei poliziotti le donne scapparono. Cercò di sfuggire al controllo anche un automobilista, un ristoratore barese che – secondo quanto da lui denunciato – fu bloccato dai poliziotti, picchiato e costretto a consegnare il portafogli.\r\n\r\nPer questa vicenda i due agenti furono anche arrestati: Pipino fu detenuto nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere e a Gibilaro furono concesso i domiciliari.\r\n\r\nIn primo grado, nel 2009, furono condannati a otto e sette anni di carcere per rapine e lesioni. In appello, nel 2013, furono assolti “per non aver commesso il fatto”. La Corte di cassazione annullò poi con rinvio la sentenza di assoluzione e nei giorni scorsi la Corte d’appello di Bari, nel processo bis di secondo grado, ha dichiarato la responsabilità dei due imputati, dichiarando la prescrizione del reato di lesioni e rideterminando la pena per la rapina.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui