“I consiglieri del comune di Bari Giuseppe Carrieri e Michele Picaro, in qualità di componenti della commissione consiliare Enti Partecipati, stigmatizzano il comportamento del sindaco di Bari Antonio Decaro, nelle vesti di rappresentante del Comune di Bari quale azionista di Aeroporti di Puglia, per l’indifferenza assunta rispetto alle paventate ipotesi di fusione e nuova governance. Tra l’altro, in due diverse convocazioni formali (una a Ottobre, l’altra a Novembre) in commissione comunale enti partecipati, finalizzate a verificare le indiscrezioni  giornalistiche circa una nuova governance di Aeroporti di Puglia e un nuovo assetto societario, il sindaco Decaro si sottrae al confronto e decide di non aderire alla richiesta di audizione rivoltagli, neppure giustificando la mancata partecipazione alla commissione.\r\n\r\nI consiglieri comunali Carrieri e Picaro ritengono incomprensibile –ove veritiera- l’intenzione di sostituire in Aeroporti di Puglia la figura dell’amministratore unico con quella del consiglio di amministrazione, poichè, oltre un sensibile incremento dei costi aziendali,  si produrrà –inevitabilmente- un rallentamento delle scelte gestionali. Del pari incomprensibile poi –sempre ove veritiera- è la scelta di individuare nel Presidente di Trenitalia  (Onesti) il nuovo Presidente del cda di Aeroporti di Puglia, giacchè non si comprende come si possano svolgere, simultaneamente (a Roma e a Bari), due ruoli di simile responsabilità. Del tutto sbagliata infine –secondo Carrieri e Picaro-  è la scelta del riassetto societario con GESAC/Aeroporto di Napoli, essendo tale scalo assolutamente concorrenziale con gli scali pugliesi e in nessun modo sinergico con Aeroporti di Puglia.\r\nIn tale situazione, Carrieri e Picaro auspicano che alle prossime assemblee sociali del 28 e ‪29 Novembre‬ il sindaco di Bari (città socia di Aeroporti di Puglia) anzitutto partecipi personalmente; e  –ove le indiscrezioni di stampa trovassero conferma- chiedono che il Sindaco richieda un rinvio dell’assemblea, per poter esattamente e chiaramente comprendere (insieme alla Città e ai suoi amministratori) le ragioni di una trasformazione cosi’ radicale della governance e degli assetti societari di AdP, trattandosi della infrastruttura (forse) più importante e strategica per lo sviluppo di Bari e della Puglia”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here