Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

Bartolomeo I, arcivescovo di Costantinopoli fa il suo ingresso in Basilica e  trova ad attenderlo una navata colma di migliaia di fedeli, sia cristiani che ortodossi. È stata una messa che ha unito le due religioni quella per la festa di San Nicola, celebrata questo pomeriggio alle 18 dall’arcivescovo di Bari-Bitonto Monsignor Francesco Cacucci e presenziata dal patriarca ecumenico, in visita a Bari da ieri.\r\n\r\nL’accensione della lampada votiva\r\n\r\nPrima dell’inizio della messa i due arcivescovi hanno acceso insieme la lampada votiva, detta “Uniflam”. Sull’oggetto, donato alla Basilica da Papa Pio XI, sono raffigurate la Chiesa cattolica e quella ortodossa. Prima dell’accensione i monsignor Cacucci e Bartolomeo I hanno alimentato la lampada con olio greco e pugliese.\r\n\r\nLa messa\r\n\r\nPer lettura del Vangelo è stato scelto un passo dell’apostolo Luca, letto sia in italiano che in greco.\r\n\r\nNella sua omelia monsignor Cacucci ha poi parlato di San Nicola, riprendendo un passo di Sant’Andrea di Creta. L’arcivescovo di Bari ha ricordato l’università della fede a San Nicola, ricordato come il “Santo dei cristiani” e invocato in tutto il mondo. “Ancora oggi – ha spiegato – San Nicola mantiene quella sua universalità e la presenza di Bartolomeo I è come un sacro sigillo di questa fede condivisa tra più religioni”. Ha poi ricordato che già nel 1984 era stata accesa dai rappresentanti ortodossi e cristiani la lampada Uniflam, a memoria di un’alleanza sotto il segno del Santo.\r\n\r\nIl discorso di Bartolomeo I\r\n\r\nPoco prima del termine della messa Bartolomeo I è intervenuto con un discorso che ha toccato diversi temi, tra cui l’immigrazione. L’arcivescovo ha spiegato che la Puglia è stata da sempre un luogo di accoglienza per i popoli stranieri in fuga da guerra e carestia. ” Questa terra – ha dichiarato – non ha mai chiuso le sue porte, non è mai rimasta indifferente al grido di aiuto di tanti fratelli e sorelle nel bisogno. Oggi purtroppo, ancora una volta il mare Mediterraneo, mare di cultura, mare di solidarietà, mare di collaborazione, è divenuto mare di ondate di profughi e migranti da ogni dove”. Per il patriarca ecumenico non si può rimanere estranei a quel dolore, ma anche “al fondamentalismo religioso – ha concluso -, che pretende di agire nel nome di Dio, allo sfruttamento dell’uomo sull’uomo e al depauperamento delle risorse naturali a vantaggio di pochi e a svantaggio di molti, soprattutto dei più poveri”.\r\n\r\nLa visita alla cripta\r\n\r\nAl termine della cerimonia, Bartolomeo I ha visitato la cripta della Basilica con monsignor Cacucci per rendere omaggio alle reliquie del Santo.\r\n\r\n \r\n\r\nLe immagini della cerimonia\r\n\r\n

\r\n\r\n(foto di Luca Desiderato)


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui