Cabtutela.it
acipocket.it

“Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere vorresti che l’autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira”. (J. D. Salinger)

\r\n

Charles – breve volume di Alessandro Tota, autore barese residente a Parigi – ripercorre i versi e la personalità del presimbolista francese, calati nel contesto di quella che si presuppone essere stata la giovinezza dell’autore. Charles Baudelaire – il dandy, il poeta – catapultato nella Bari contemporanea, condivide il Tavernello e il fumo da quattro soldi sugli scalini delle Poste di via Nicolai e va a guardare il mare – perché, si sa che se Parigi avesse avuto il mare… – per lasciarsi ispirare dai frangiflutti squadrati. Charles racconta la familiarità del lettore con il letterato e dà un segnale, fin dalla scelta del titolo, della demitizzazione della letteratura, sabotando il piedistallo che isola l’artista dal pubblico, privando quest’ultimo del suo naturale diritto alla poesia e alla bellezza.

\r\n

Per questo racconto, Tota si serve di un tratto dissacrante – erede del più feroce fumetto satirico francese – e di personaggi che interagiscono in sequenze regolari, in cui l’espressione si alterna alla parola e costituisce la robusta vena comica dell’opera. La decadenza del personaggio e dell’ambiente è, però, stemperata dall’uso dell’acquerello che la bilancia con una lirica contemplazione della natura, così come nella poesia del vero Charles Baudelaire.

\r\n

Charles Copertina Alta OkUna nuova narrazione per una nuova Bari

\r\n

Claudio, Carlotta, Giulio, Cesare e Nicola sono un gruppo di debosciati che trascorrono le loro giornate a contemplare, nella poesia di Baudelaire, la trasfigurazione lirica del loro cazzeggio. Allo stesso modo, il vecchio dandy sembra trovarsi a suo agio nel disagio punk, dove porta a compimento la sua vocazione per l’isolamento e l’autodistruzione. Risulta estremamente gustoso il modo in cui Tota dona sfumature umane a Baudelaire, pronto a rinnegare il suo ruolo di vate per amore di un’indigena e a ironizzare sulla propria figura di poeta maledetto, calato in una Bari riconoscibile, pur senza elementi di folklore.

\r\n

Charles di Alessandro Tota piacerà molto ai lettori che stanno vivendo in questi anni il tentativo di internazionalizzazione del capoluogo pugliese. I millenials sono i protagonisti e primi fruitori del fermento culturale che sta iniziando pigramente a mettere da parte l’idea di un Sud isolato dal resto del mondo e che si è posto il difficile obiettivo di adeguarsi al trend europeo, senza abbandonare le proprie tradizioni. Charles è una delle manifestazioni di questo cambiamento, un prodotto ironico e colto, in grado di rispecchiare il desiderio barese di una nuova narrazione, libera dalla cifra meridionalista.

\r\n

Zaum


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui