Cabtutela.it
acipocket.it

La nota dell’europarlamentare Nicola Pedicini, del M5S, sulla nomina di Claudio De Vincenti al ministero della coesione sociale\r\n\r\nDopo anni di silenzi e abbandono, il governo nazionale torna a ricordarsi del Sud. Lo fa, però, nel peggiore dei modi: con la nomina di un ministro del Mezzogiorno senza portafoglio e con Gentiloni, presidente del Consiglio, che, nelle sue prime dichiarazioni pubbliche, si limita a lanciare slogan e frasi fatte senza neanche un accenno a proposte o ipotesi di lavoro concrete. Si tratta del solito schema propagandistico di renziana memoria, che pensa al Sud solo in termini di bacino elettorale e non per una seria consapevolezza dei drammi sociali ed economici che le regioni meridionali stanno vivendo.\r\n\r\nDopo la scoppola che una grande maggioranza dei cittadini del Mezzogiorno hanno dato a Renzi e al suo referendum, ecco apparire un finto ministero e un po’ di proclami per buttare fumo negli occhi e creare nuove illusioni. L’emergenza Sud, invece, è veramente gravissima e andrebbe affrontata al più presto e seriamente. Non per raccogliere consenso, ma per dare risposte reali dopo decenni di malgoverno e ruberie.\r\n\r\nGli ultimi dati di Istat e Censis sulle regioni meridionali, sono la fotografia impietosa di una realtà sempre più disastrata e senza nessun disegno o guida che la potrebbe far uscire dal dramma in cui è sprofondata.\r\n\r\nIl reddito medio pro-capite al Sud è di 17,8 mila euro all’anno, inferiore del 44,2% rispetto a quello del Centro-Nord. Un divario allarmante. Quasi la metà dei residenti nel Sud (46,4%) è a rischio di povertà o esclusione sociale, contro il 24% del Centro e il 17,4% del Nord. Le famiglie del Sud si trovano almeno in una delle seguenti condizioni: rischio di povertà, grave deprivazione materiale, bassa intensità di lavoro. Peggio di Bulgaria, Romania e Grecia.\r\n\r\nMilioni di famiglie del Mezzogiorno contano di tagliare ulteriormente le spese per la casa e l’alimentazione e hanno dichiarato di aver dovuto rinunciare o rinviare alcune prestazioni sanitarie, specialmente dentistiche, specialistiche e diagnostiche. Secondo l’Istat, oltre tre cittadini su dieci sono a rischio di povertà in Campania, Calabria, Puglia e Basilicata. Cresce il numero dei meridionali che si trasferiscono all’estero. Nel 2015 sono state il 10% in più rispetto al 2014.\r\n\r\nIl Censis ci dice anche che i giovani del Sud stanno peggio dei loro genitori e peggio anche dei loro nonni. Ci dice che il lavoro nero domina la scena economica e siamo ritornati ai livelli degli anni Settanta. E’ cresciuto lo sfruttamento, il lavoro precario, poco qualificato e mal retribuito. Dall’altro canto sono arrivati i finti posti di lavoro alimentati dai voucher della nuova legge sul lavoro Jobs Act voluta da Renzi e dal Pd. Al Sud più che nel resto dell’Italia si va avanti con i risparmi e le pensioni degli anziani. Con i ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri. Per queste ragioni è urgente andare al più presto alle elezioni per cambiare l’attuale classe politica e portare il M5S e anche i cittadini del Sud al governo dell’Italia.\r\n\r\nOccorre aprire una nuova fase, in cui il Sud liberi le sue energie e abbia dei portavoce eletti che pensino a governare e non alla loro carriera politica. In cui i cittadini e i giovani senza lavoro abbiano un reddito di cittadinanza per riconquistare la propria dignità e la voglia di formarsi e mettersi in gioco. In cui vengano valorizzate le competenze, i meriti, le bellezze naturalistiche, storiche e turistiche, l’agricoltura, i prodotti tipici e le piccole e medie imprese.\r\n\r\nIl Sud ha bisogno di un piano di bonifiche e di riconversione industriale innovativa nei territori distrutti dall’inquinamento selvaggio, a partire dall’Ilva di Taranto e dalle aree della Terra dei fuochi. Il Sud va liberato dalle clientele, dalla corruzione e dalla prepotenza delle organizzazioni criminali colluse con la politica. Il Sud va visto come una risorsa e non come un problema. Il Sud va riconosciuto come un tesoro inestimabile da custodire e sviluppare”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui