Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Natale è arrivato. Tra una fetta di pandoro e un bicchiere di spumante, la famiglia finalmente si riunisce. Terminato il torneo di tombola e esaurita la compravendita del Mercante in fiera, facilmente si termina la giornata davanti a un buon film.  Ecco, dunque, quattro proposte per un Natale coi fiocchi, da passare sul divano, col plaid sulle gambe e  la Tv accesa.

\r\n

La vita è meravigliosa

\r\n

Il classico dei classici. Il film del 1946 di Frank Capra è considerato una pietra miliare del cinema americano, utilizzato – addirittura – nelle condanne per omicidio per “far scoprire il valore della vita”. La storia racconta del brillante George Bailey (James Stewart) e del suo lento precipizio verso il fallimento, nella cittadina di provincia di Bedford Falls. Nonostante l’amore della bella moglie Mary (Donna Reed), il povero George – colto da disperazione – decide di suicidarsi. È la notte di Natale e l’angelo senza ali Clarence (Henry Travers) corre in suo soccorso, mostrandogli come sarebbe triste il mondo senza di lui. La vita è meravigliosa è un importante tassello della narrativa natalizia che vede questa festa come un momento di bilanci sulla vita e di riflessioni sul valore della famiglia e della comunità. Un trionfo vintage di buoni sentimenti, sempre godibile nonostante la retorica un po’ agée.

\r\n

Wonderful Life

\r\n

Parenti serpenti

\r\n

Per bilanciare il dolce stucchevole delle feste natalizie, Mario Monicelli ha portato nei cinema Parenti serpenti, amara commedia familiare del 1992. Con un cast che mette insieme alcuni degli attori più brillanti del cinema italiano – tra cui Alessandro Haber, Marina Confalone, Cinzia Leone e Monica ScattiniParenti serpenti è la storia della tipica famiglia italiana, che si riunisce attorno a una tavola imbandita la notte della vigilia di Natale. Questa diventa un’occasione per mettere sotto i riflettori diversi tipi umani, le relazioni e gli intrighi che si intrecciano dietro le quinte della media borghesia del belpaese. Tra una sessualità sotterranea e una perfida fratellanza, la famiglia scoppia quando i due anziani genitori (Pia Velsi e Paolo Panelli) annunciano di volersi trasferire a casa di uno dei quattro figli, lasciando all’amata progenie la scelta sul chi. Monicelli, con il suo noto sguardo disincantato sul mondo, dona al Natale cinematografico una sferzata agrodolce (più agro che dolce). Un piccolo capolavoro.

\r\n

Hqdefault

\r\n

Harry ti presento Sally

\r\n

Parliamoci chiaro, Harry ti presento Sally è il film ideale per ogni stagione dell’anno. È però medicina particolarmente indicata nei momenti di malinconia sentimentale durante le feste.\r\nHarry (Billy Cristal) e Sally (Meg Ryan), non sono mai stati amici, fino a quando non lo sono diventati. Sono stati colleghi all’università, poi conoscenti riluttanti. Nelle loro frequentazioni estemporane Harry confida a Sally di credere che gli uomini non possano essere amici delle donne che considerano attraenti. A cena, Sally insegna a Harry una cosa o due sull’orgasmo femminile. Infine, durante le feste, si innesca un sentimento inarrestabile tra i due, destinato a cambiare il loro rapporto per sempre. La penna elegante di Nora Ephron e la regia magica di Rob Reiner, sono la ricetta perfetta per il film più agrodolce delle feste.

\r\n

\r\n

La neve nel cuore

\r\n

La famiglia Stone esuberante e quirky, si compone di madre Sybil (Diane Keaton) e padre Kelly (Craig T. Nelson), della loro figlia minore scontrosa Amy (Rachel McAdams), il loro figlio sordo e gay con il compagno, l’altro figlio fricchettone Benjamin (Luke Wilson), l’altra figlia incinta (Elizabeth Reaser) con bimba al seguito e infine il figlio white collar, Everett (Dermot Mulroney), accompagnato dalla nuova, pretenziosa newyorkese fidanzata Meredith (Sarah Jessica Parker).\r\nProprio Meredith sarà la vittima sacrificale dello snobismo hippie della famiglia Stone durante le feste. Lungi dall’essere una tipica commedia familiare, La neve nel cuore indugia in un sarcasmo intelligente, si consuma in lunghe discussioni drammatiche e si conclude in un prevedibile ma consolante intreccio sentimentale. Familiare sotto tutti i punti di vista, questo pluripremiato dramedy con il suo cast st è la visione ideale per tutti coloro che vogliono tornare a casa per Natale.

\r\n


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui