aqp.it
ferrovieappulolucane.it
amgasbarisrl.it

E’ tempo di festa e di doni. I tifosi del Bari, i più numerosi e caldi della cadetteria come dicono le statistiche, sperano di svegliarsi dopo le feste con una rosa rafforzata e potenziata per competere nella roulette finale dei play off promozione. Per questo, concedeteci la provocazione festiva, abbiamo sbirciato nella busta con la lettera che i tifosi del Bari hanno scritto alla Befana e così vi possiamo anticipare le tre richieste avanzate.\r\n

    \r\n

  1. Un bomber e un regista: (almeno) due acquisti di pregio nel mercato di riparazione, per dare al tecnico Colantuono alternative nel reparto offensivo dove Maniero e De Luca finora non hanno brillato e maggiore creatività al centrocampo, dove ci sono tanti onesti manovali e ci vorrebbe un ingegnere… Floccari e Marrone? Andrebbero benone…
  2. \r\n

  3. Una convezione per sciogliere la querelle stadio: la piazza sportiva segue con apprensione la storia del San Nicola ed è mortificata dal vedere i petali volare e i tabelloni luminosi spenti con gli schermi dei televisori del secolo scorso. Un accordo tra la società di Giancaspro e il comune amministrato dal sindaco Decaro sarebbe davvero un bel segnale di armonia e rispetto della cosa pubblica (la passione calcistica e la meraviglia architettonica dell’Astronave).
  4. \r\n

  5. L’ultima richiesta è quella più difficile da esaudire: i sostenitori dei galletti vorrebbero un giovane cresciuto nella cantera biancorossa, un ragazzo del vivaio, un talento valorizzato nella fase finale della stagione. Il Bari dei baresi con Loseto, De Trizio e c. resta irripetibile, ma in un calcio sempre più business, il cuore che lancerebbe in campo un calciatore cresciuto in questa città, nella fucina delle giovanili, potrebbe dare una marcia in più a tutta la squadra. Andare in A con un gol di Castrovilli? Che sogno…
  6. \r\n


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui