Cabtutela.it
acipocket.it

Oltre 100mila pugliesi contagiati dal virus dell’influenza e 4 casi accertati di meningite. Sono i dati del monitoraggio del primo mese e mezzo – da dicembre ad oggi – dell’andamento delle “malattie stagionali” fatto da Cirinet e Osservatorio epidemiologico pugliese.\r\n\r\nL’influenza dà una tregua\r\n\r\nPer la prima volta dall’inizio di dicembre, questa settimana sono diminuite le persone contagiate dal virus influenzale: secondo l’ultimo report settimanale, pubblicato mercoledì scoro da Cirinet, il centro di ricerca sull’influenza, in sette giorni si è passati dall’8,03 per mille di pugliesi contagiati al 6,72 per mille. In sostanza, dalle quasi 50mila persone a letto con febbre alta alle 28mila circa dell’ultima settimana. Complessivamente, i pugliesi che hanno già avuto l’influenza sono oltre 100mila. L’epidemia influenzale, quindi, ha avuto una regressione, ma con la riapertura delle scuole e degli uffici dopo la pausa natalizia potrebbe tornare ad aumentare i casi. Il dato più preoccupante che emerge dal report di Cirinet riguarda ancora i bambini tra i 0 e i 4 anni: il 10,58 per mille dei piccoli ha contratto il virus influenzale, la percentuale però si è più che dimezzata rispetto al 22 per mille registrata sette giorni fa. In media, in Puglia, quasi 7 persone ogni mille hanno febbre alta e problemi gastrointestinali. Tra i ragazzini nella fascia di età tra i 5 e i 14 anni il contagio si attesta all’8,18 per mille, mentre tra i giovani tra i 15 e i 24 anni la percentuale cala al 5,91 per mille. Nella fascia d’età tra i 25 e i 44 anni, invece, ci sono 6,22 persone ammalate ogni mille, tra i 45 e i 64 anni la percentuale sale ancora e si attesta al 7,42 per mille. Infine, tra gli over64 il rapporto è di 5,01 persone ammalate ogni mille. Negli ospedali la situazione resta critica nonostante i correttivi delle Asl, nei reparti non ci sono più posti letto liberi e si ricorre a soluzioni improvvisate come sistemare il paziente in barella.\r\n\r\nQuattro casi di meningite\r\n\r\nI casi accertati di meningite, invece, sono 4 ma solo in una circostanza è stata diagnosticata la provenienza batterica da meningococco. L’ultimo ha riguardato un 50enne ricoverato nell’ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti. Il primo caso risale al 5 gennaio scorso quando all’ospedale di Barletta arrivò un senegalese di 43 anni, residente a Barletta da anni, che manifestava una grave insufficienza respiratoria addebitata ad una infezione virale e non batterica. L’uomo è ricoverato nell’ospedale di San Giovanni Rotondo. Il giorno dopo è stata ricoverata all’ospedale di Andria una studentessa 17enne, unico caso conclamato in Puglia di meningite batterica. Anche la ragazza è ancora in ospedale ma il suo stato di salute è in netto miglioramento. Infine, lo scorso 8 gennaio è arrivata all’ospedale di Bisceglie una bimba di otto anni, la piccola era ospite con la madre in una comunità religiosa ma da 24 ore aveva febbre molto alta e si trovava in uno stato quasi di incoscienza.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui