Cabtutela.it
acipocket.it

La seconda puntata di Sherlock dà ai fan qualche speranza di miglioramento per una stagione che sembrava spacciata. Dopo la delusione cocente che era stato il primo episodio (qui la recensione), Il Detective Morente rappresenta un doveroso ritorno alle origini della serie.

\r\n

A seguito degli eventi drammatici vissuti nel primo episodio con – SPOILER – la morte di Mary e la rottura tra Watson e Sherlock, l’investigatore sembra tornato nell’isolamento più totale e ricaduto nel baratro letale dell’assuefazione alle droghe. Per distrarsi dalla questione Watson, Sherlock fa quello che gli riesce meglio, si aggira per Londra strafatto risolvendo casi difficilissimi. In questo caso viene contattato dalla figlia di un presunto serial killer milionario per incastrarlo ed evitare che faccia altra vittime.

\r\n

Sconvolto dagli effetti stimolanti delle sostanze e quasi in fin di vita per l’abuso delle stesse, Sherlock è costretto a chiedere una mano a John per risolvere il caso. Il dottore, nonostante sia ancora affranto e risentito per il coinvolgimento (passivo) del detective nell’uccisione di sua moglie, non rimane immune davanti alla chiamata e si unisce a Sherlock per questa investigazione dai toni allucinati.

\r\n

Sherlock

\r\n

Sherlock il tossico, si conferma come la versione migliore di Sherlock. Sebbene la bromance tra lui e il suo assistente abbia regalato alcuni dei momenti più epici della serie e motivi infiniti ai più ossessionati per gridare all’amore omosessuale, è difficile negare l’attrattiva del lato più oscuro e solitario di Sherlock.

\r\n

SherlockUna volta liberatosi dalla costante bussola morale di Watson e dall’indole super protettiva di Mary, Sherlock ha la possibilità, in questo episodio, di essere sé stesso, ossia un High-functioning sociopath i lotta con altri sociopatici.

\r\n

Ovviamente, ben prima della conclusione della vicenda, John e Sherlock saranno riappacificati e riuniti sotto il segno del Bene e in un abbraccio vagamente ambiguo.\r\nPunto degno di nota, è il cliffhanger finale della puntata. Mentre il tanto nominato terzo fratello Sherrinford Holmes rimane misteriosamente assente, é una presunta sorella di Sherlock a fare la sua prima comparsa in scena. Eurus, che appare travestita in diverse parti della puntata (e di quella precedente), sembrerebbe avere un piano malefico per uccidere John e aver tramato il suo avvicinamento al dottore per ragioni non ancora ben chiare.

\r\n

Sherlock

\r\n

Eppure, com’è possibile che Sherlock non riconosca sua sorella, che vede almeno in due occasioni nel corso di questa stessa puntata? E dov’è Sherrinford? Ma soprattutto che parte avrà Moriarty in questa nuova, complicata, saga familiare?

\r\n

Tutte queste domande sarebbero sufficienti a rendere la terza puntata eccezionale, purché – ovviamente – le risposte siano convincenti, come quelle che solo Sherlock sa dare!


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui