aqp.it
ferrovieappulolucane.it
amgasbarisrl.it

Allarme microcriminalità in pieno centro. Nell’ultimo mese nella zona tra via Suppa e via Fornari si sono registrati atti vandalici e di bullismo, aggressioni e scippi, tra le proteste dei residenti e dei genitori che accompagnano i loro bimbi a scuola.

Il caso è arrivato in Consiglio comunale, sollevato dal consigliere Pierluigi Introna.

“Un conto sono i ragazzini che giocano a pallone, una cosa sono le baby gang, e altro ancora sono i tossici che sostano davanti alla scuola quando escono i bambini, approfittando della confusione per scippare le mamme – spiega Introna – non più tardi di un mese da, a una signora hanno addirittura rotto il lobo in un’aggressione”.

Una settimana fa uno scippatore ha inseguito una signora che aveva dato l’allarme di un furto, spintonandola nell’atrio della scuola Mazzini.

Secondo le segnalazioni raccolte da Introna, a creare disagio nell’isolato compreso tra le due scuole non sono solo le baby gang, ma anche adulti. “Ho chiesto di fare attenzione a tutte le scuole delle città – conclude il consigliere – bisogna stroncare il fenomeno sul nascere, prima che la situazione degeneri ulteriormente”.

Un altro grave episodio registrato dal consigliere e dalla polizia municipale, riguarda un atto vandalico da parte di alcuni ragazzi tra i 14 e i 15 anni, che hanno lanciato un petardo nella parrocchia di Santa Croce, durante la recita del rosario.

“Abbiamo la situazione sotto controllo  – rassicura il comandante dei vigili urbani Nicola Marzulli – c’è personale sia la mattina all’entrata delle scuole, sia quando i ragazzi finiscono le lezioni. Abbiamo anche una pattuglia fissa su piazza Cesare Battisti, tant’è vero che abbiamo preso sia un ragazzo che ha creato problemi davanti a una delle due scuole, sia quello che ha lanciato il petardo in chiesa. Ora siamo alla ricerca di due bulli che hanno maltrattato due ragazzini davanti alla Modugno”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui