E’ tornato alla Camera, dopo l’approvazione avuta in Senato, il d.d.l. di Riforma del processo penale. Oltre a tutte le innovazioni e modifiche presenti, è di rilievo l’inserimento di una nuova tipologia di reato commesso da chi diffonde riprese audiovisive e/o registrazioni di conversazioni (anche telefoniche) in maniera fraudolenta ove il fine di questa azione sia quello di cagionare la reputazione o l’immagine altrui. La pena prevista è stata identificata nella reclusione fino a 4 anni, ma è da sottolineare che la punibilità non è contemplata nei casi di registrazioni eseguite in procedimenti amministrativi o giudiziari o nell’esercizio del diritto di cronaca e di difesa.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.


caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here