Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Inaugurato questa mattina il punto di accoglienza, ascolto e accompagnamento per le persone disabili, organizzato a Torre Quetta dall’associazione “Nikolaos prof. Nicola Damiani onlus” in rete con gli assessorati al Welfare e allo Sviluppo economico.

Si tratta di un presidio aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 11.30 con un operatore che si occuperà dell’accoglienza e della sistemazione sulla spiaggia delle persone diversamente abili.

Il presidio è costituito da una struttura in legno rimovibile, da un gazebo allestito sulla spiaggia, nei pressi della piattaforma vicina al pontile centrale, e da una passerella temporanea che favorisce l’accesso al mare dei bagnanti accompagnati dai volontari dell’associazione. Il presidio prevede anche la presenza dell’ un’automedica dell’Apulia Soccorso, con personale medico e paramedico.

Alle attività parteciperanno anche alcuni migranti ospiti in strutture di accoglienza comunali.

“Il presidio inaugurato oggi fa parte di un impegno comune che deve vedere coinvolte l’Amministrazione e tutte le realtà del territorio, pubbliche e private,  – spiega l’assessore Francesca Bottalico – perché i servizi, le strutture e le proposte educative siano sempre accessibili a tutte e tutti. Inoltre credo che questa esperienza abbia un forte valore simbolico in quanto abbiamo raccolto la disponibilità volontaria di alcuni migranti delle strutture di accoglienza del Comune di Bari, come ad esempio villa ATA, a partecipare a questo progetto, stando al fianco dei volontari impegnati in questa esperienza”.

L’intervento di Torre Quetta si unisce all’attività svolta dalla Scuola salvataggio nautico a Pane e Pomodoro che prevede un presidio tutti i sabato e le domeniche fino a settembre, dalle 8 alle 12 e dalle 17 alle 19, con l’ausilio di attivisti e amici a quattro zampe che si posizionano sulla passerella per disabili e gestiscono il gazebo munito di quattro sedie job.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui